La notte degli Oscar 2017 ha decretato i suoi vincitori: e se la statuetta per Miglior film va a Moonlight, Emma Stone porta a casa l’ambito premio come Miglior attrice protagonista per la sua interpretazione in La La Land. Del resto, la commedia musicale di Damien Chazelle aveva collezionato 14 nomination, lo stesso numero di candidature da record di cult come Eva contro Eva e Titanic, ritirando poi a conti fatti ben 6 statuette.

La 28enne Emma Stone se l’è dovuta vedere con star navigate del calibro di Isabelle Huppert (nomination per Elle), Ruth Negga (per Loving), Natalie Portman (per Jackie) e Meryl Streep (per Florence), ma La La Land stavolta era il suo asso nella manica. Emma Stone era, infatti, già stata candidata all’Oscar come Miglior attrice non protagonista per Birdman (2015), ma il suo personaggio in La La Land fino agli Oscar le era già valso la Coppa Volpi per la Migliore interpretazione femminile alla Mostra del cinema di Venezia, il Golden Globe per la Migliore attrice in un film commedia o musicale, lo Screen Actors Guild Award per la Migliore attrice cinematografica, il BAFTA alla Migliore attrice protagonista. Un successo annunciato, dunque.

La deliziosa rossa che ha già fatto innamorare Woody Allen, che l’ha voluta come musa in due delle sue pellicole, e che è divenuta famosa – dopo una serie di commedia giovanili a metà anni 2000 – per Crazy, Stupid, Love (2011), The Help (2011), The Amazing Spider-Man (2012) e The Amazing Spider-Man 2 (2014), entra dunque nell’Olimpo degli attori premiati con l’Oscar.

Cosa sappiamo di lei, oltre al fatto che è bella, brava, che sui red carpet i suoi occhi ammaliano i fotografi e i suoi outfit sono sempre impeccabili? Ecco 5 curiosità sul premio Oscar 2017 per sapere qualcosa di più su Emma Stone.

  1. La strada per Hollywood. Per convincere la sua famiglia a permetterle di trasferirsi a Los Angeles e tentare la carriera nel mondo della spettacolo, la giovane Emma Stone realizzò una presentazione in Power Point con tutti i benefici che avrebbe tratto dal trasferimento, che aveva come colonna sonora una sua interpretazione di “Hollywood” di Madonna. L’espediente funzionò, anche se il primo lavoro di Emma a Los Angeles durante i suoi studi di recitazione non fu proprio gratificante: lavorava infatti part-time in un panificio specializzato in dolci per cani. Tuttavia, molti clienti si lamentarono del fatto che i biscotti erano immangiabile e ai loro cani non piacevano.
  2. Nome d’arte. Il vero nome di Emma Stone è Emily Jean Stone. Ha scelto il nome “Emma” durante un corso presso la Screen Actors Guild, perché “Emily Stone” era già utilizzato da un’altra compagna. La sua famiglia e gli amici, tuttavia, ancora la chiamano Emily.
  3. L’amore con Andrew Garfield. L’unico amore noto di Emma Stone è quello con il collega Andrew Garfield, conosciuto su set The Amazing Spider-Man 2. La storia tra i due sarebbe finita nel 2015, ma i rumor su un loro riavvicinamento sono sempre più insistenti, tanto più che agli ultimi BAFTA sono stati avvistati durante momenti di abbracci e confidenze che sono apparsi particolarmente intimi.
  4. Origini svedesi. Emma è di origine svedese. Il nonno paterno emigrò negli Stati Uniti passando per Ellis Island, dove il suo cognome venne anglicizzato in “Stone”. Il ramo materno, invece, viene principalmente dai Pennsylvania Dutch, i discendenti di popoli provenienti dalla Germania sud-occidentale, dall’Alsazia e dalla Svizzera, che emigrarono negli Usa scegliendo la Pennsylvania, ma ha anche origini in parte inglesi, scozzesi e irlandesi.
  5. Storie di fantasmi. Emma Stone ha raccontato, al The Late Show with David Letterman, di credere nei fantasmi e di avere un rapporto ultraterreno con lo spirito di suo nonno. Non si è, però, detta spaventata per questa presenza, che pare gli abbia lasciato anche indizi “generosi”: “Le cose si materializzano. La mia famiglia ha una lunga storia alle spalle con i quarti di dollaro, mio nonno mi lascia quarti di dollaro. È incredibile ed è assolutamente lui!”.