Ieri sera Emma Watson è apparsa sul tappeto rosso della prima londinese del nuovo film di Harry Potter, catturando tutti gli sguardi e dimostrando di non essere più la bambina undicenne del primo film del 2001. L’attrice indossava, infatti, un cortissimo abito vintage che però non stava su per magia, ma grazie a un bel po’ di centimetri di nastro adesivo.

L’interprete di Hermione Granger, ormai già ventenne, ha infatti deciso di indossare un cortissimo abitino di pizzo di Rafael Lopez, completato da un paio di tacchi altissimi. Il vestito aveva anche una profondissima scollatura sulla schiena e così, per evitare situazioni spiacevoli sul tappeto rosso, Emma ha deciso di assicurarlo alla schiena con il nastro biadesivo. Evidentemente, però, lo stylist non è stato troppo scrupoloso, perché era impossibile non notare il “rimedio della nonna” ogni volta che l’attrice si voltava.

La Watson ha anche sfoggiato il suo nuovo, cortissimo, taglio di capelli che si è concessa solo dopo aver finito di girare l’ultima scena della saga di Harry Potter. L’attrice ha colto l’occasione della prima del suo nuovo film per dimostrare il suo immenso dispiacere per la fine delle riprese dei sette film di Harry Potter, ammettendo di essersi commossa sul set.

Siamo tutti così uniti, ed è stata una grande avventura, ma ora è tempo di andare avanti. È stranissimo perché mi sembra di andare in pensione a venti anni. Ma mi sento esattamente così. Ho passato gli ultimi dieci anni a recitare in questi film e posso solo sperare che la seconda parte della mia vita sia incredibile come lo è stata la prima.