Giorgio Armani presenta la sua collezione Emporio Armani per l’Autunno Inverno 2017-2018 a Milano Moda Donna 2017 dopo il recente annuncio della riorganizzazione aziendale. Dalla primavera del 2018, infatti, le etichette Armani Jeans, Armani Collezioni e Armani Exchange confluiranno tutte in Emporio Armani.

Non succede nulla di traumatico”, ha spiegato lo stesso stilista a margine della sfilata che si è tenuta pressi il Teatro Armani. “Stiamo voltando pagina. Emporio Armani diventerà un concertato idee che avrà come finalità servire diversi stili e diverse sensibilità”. Certo, “sotto il nome Emporio Armani ci saranno diverse realtà. Sarà proprio un emporio. Così come lo avevo sempre pensato”, prosegue sull’argomento.

Re Giorgio, in barba all’età, si mette al passo coi tempi, e al passo coi tempi è anche la collezione in passerella: lusso e comfort, non si può chiedere di più per il prossimo autunno, grazie a una serie di look giovani, “caratterizzati da uno spirito metropolitano inquieto, costruiti sugli opposti”, tanto che – in perfetta armonia – si trova in contrasto stili e tessuti classici e moderni.

Ci sono pois per tailleur classici e quadri per ampi abiti, un cappotto di lana nera con maniche bianche in finta pelliccia fin sopra il gomito e bordatura del collo corrispondente, giacche di velluto morbide abbinate a gonne a scacchi in PVC, grandi montgomery insieme a mini-borse a scrigno con tracolla in metallo da portare a mano.

Galleria di immagini: Emporio Armani Autunno Inverno 2017-2018, foto

Le stampe floreali grafiche e le grandi paillette illuminano la “pista” nella seconda parte dello show al ritmo di “Don’t go breaking my heart” di Elton John e di “I knew you were waiting” cantata da un duetto d’eccezione, Aretha Franklin e George Michael. Pochi gli abiti da sera, che strappano la collezione a un prevalente bianco e nero elegantissimo con rosa e argento.

Divertenti, per donne che amano riappropriarsi della femminilità con classe, le fantasie con mani e occhi, i tocchi di rosso qua e là, i pantaloni in velluto indossati con le sneakers oltre che le già citate gonne in PVC. Le gambe, però, nella passerella di oggi non si vedono: “questo è un punto importante”, spiega lo stilista, una scelta che nasce da “un’estetica diversa”, per le donne che vogliono ritrovare la loro femminilità nel profondo.

Una collezione, insomma, portabile, gioiosa, giovane e moderna: “La ricerca da fare”, ha confermato Armani, “è quella sul modo di vestire di oggi, che in parte abbiamo già cambiato, ma che non può essere il riportare a galla un passato che non rispetta più i tempi”.