Enrico Mentana si è dimesso da direttore del TG di La7. La notizia è stata diffusa dallo stesso giornalista, attualmente uno dei più amati dal pubblico televisivo, dopo aver appreso di essere stato denunciato alla magistratura dal proprio CDR per comportamento antisindacale. Il problema? Non aver diffuso un comunicato relativo allo sciopero dei poligrafici.

Enrico Mentana ha spiegato così la sua scelta:

Galleria di immagini: Enrico Mentana

«Ieri pomeriggio ho appreso dalle agenzie di essere stato denunciato alla magistratura ordinaria dal mio CDR. Ho atteso 24 ore per verificare eventuali ravvedimenti che non ci sono stati. Essendo impensabile continuare a lavorare anche solo per un giorno con chi mi ha denunciato rassegno da subito le dimissioni dalla direzione del TG La7

L’Associazione Stampa Romana ha spiegato più diffusamente le ragioni della denuncia di Enrico Mentana:

«La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata il rifiuto del direttore di leggere nel TG il comunicato della FNSI che solidarizzava con lo sciopero dei poligrafici, indetto nell’ambito della mobilitazione di CGIL-CISL-UIL e UGL contro la manovra del governo Monti. Un rifiuto irricevibile e contrario a quanto previsto dagli accordi collettivi di lavoro.»

In altre parole, ci sono delle regole sindacali per l’ASR su cui non si può discutere, come la tutela dei colleghi e i loro diritti sindacali nel contratto collettivo di lavoro. Pare tra l’altro che non fosse la prima volta che Mentana veniva richiamato all’ordine, da qui la denuncia. Mentana ha commentato di non aver mai diffuso comunicati nemmeno del suo editore, ma qui si potrebbe aprire una babele: se un direttore di giornale, non può decidere quale notizia diffondere, che direttore sarebbe?

In pratica entrano in ballo differenti tematiche, una su tutte l’imparzialità del giornalismo e il proprio dovere di fornire al pubblico notizie veritiere e “attinenti”, ossia che rispondono a un criterio di interesse. E se Mentana è stato finora idolatrato, proprio perché svincolato da “padroni” di alcun genere, perché denunciarlo per non aver diffuso una notizia?

Fonte: Il Sole 24 Ore.