A Domenica Cinque, Enrico Ruggeri ha annunciato la gravidanza della sua compagna Andrea Mirò, con la quale convive ormai da anni.

Ma oltre a rivelare ai fan la bella notizia, l’ex cantante dei Decibel ha spiegato di essere d’accordo con la sua dolce metà di non ricorrere all’amniocentesi per una diagnosi prenatale. Ruggeri, infatti, ha coraggiosamente scelto di far nascere il bambino anche se fosse affetto dalla sindrome di Down:

Andrea aspetta un bambino, ma abbiamo deciso di non fare l’amniocentesi perché, semmai dovesse nascere un bimbo con la sindrome di down, per noi sarebbe assolutamente identico.

E dopo aver parlato del suo futuro, l’intervista di Barbara D’Urso ha virato verso il passato del presentatore. Il conduttore di Italia 1 ha raccontato di aver sempre voluto un rapporto più intenso con suo padre:

Mio padre decise di morire e ci riuscì nel 1983 smise di bere, di mangiare e di parlare e si lascio morire. Ancora oggi ho il rimpianto di non aver trovato il modo per comunicare con lui, provo un misto di rimpianto e rimorso. Non so quasi nulla di lui, non ho neanche una foto con lui.

Il divorzio è stata un’esperienza che ha segnato profondamente il cantante sanremese: nel 1994 anche i suoi brani e l’album “Oggetti smarriti” hanno risentito del distacco dall’ex moglie Laura Ferrato.

E anche la paura di non essere presente per il figlio Pico ha reso la vita del cantante abbastanza difficile:

Quando mi sono separato da mia moglie, ho avuto paura che Pico, mio figlio, si dimenticasse di me perché dopo la separazione è rimasto a vivere con la madre. Quando vieni da un matrimonio finito, sei diffidente e pensi di non legarti mai più.

Poi però all’improvviso Roberta Mogliotti, meglio conosciuta come Andrea Mirò, è entrata a far parte della sua vita privata e l’interprete di “Mistero” sembra essere molto felice del bambino che sta per arrivare.