Email: uno strumento utile per il lavoro ma anche una pericolosa arma a doppio taglio, se non si sa come scriverle al meglio oppure se si commettono errori compromettenti. Vediamo dunque una serie di elementi da tenere sempre in considerazione prima di cliccare sul tasto invio per non rovinare i rapporti professionali.

L’email è diventato ormai uno strumento sempre più utile e usato in molteplici lavori. In fase di composizione e di rilettura, bisogna però stare molto attenti per non commettere degli errori che si possono rivelare parecchio imbarazzanti e farci fare delle figuracce con colleghi, capi o eventuali datori di lavoro. Cosa fare allora per evitarli?

Per prima cosa, è importante rileggere sempre in maniera molto attenta le proprie email prima di schiacciare sul pulsante di invio. Da una seconda, e se la email è particolarmente importante anche da una terza rilettura, si possono infatti trovare errori di battitura che all’inizio ci erano sfuggiti.

>> Dimmi come scrivi le email e ti dirò chi sei

Attente soprattutto agli errori grammaticali e controllate inoltre che il font usato per il carattere della vostra email sia uniforme per tutto il testo; evitate poi scritte colorate e usate il tradizionale nero. Meglio inoltre non usare termini troppo gergali o abbreviazioni, così come va evitato l’uso delle emoticons; quelle tenetele per i messaggi personali.

Bisogna anche stare attenti agli allegati che si inviano insieme alla email. Accertatevi quindi che il file in allegato corrisponda esattamente al contenuto che volete mandare, come ad esempio il vostro curriculum o una vostra foto, e non sia qualche immagine imbarazzante, come il caso di una ragazza che per sbaglio ha inviato uno scatto spaventoso dell’attore Nicolas Cage insieme alla sua domanda di lavoro. Incidenti del genere si possono risolvere anche con una risata da parte della persona che la riceve, ma nella maggior parte dei casi sottolineano una scarsa professionalità da parte di chi ha inviato la email ed è quindi meglio fare attenzione per evitare che capitino.

Tra gli elementi che vanno controllati bene più volte, ci sono poi i nomi e i cognomi delle persone, soprattutto del vostro interlocutore, che vanno scritti in maniera precisa. Infine, occhio anche al nome del vostro indirizzo email: avete usato un nickname personale? Meglio evitare e aprire un account email semplicemente con il vostro nome e cognome.

Fonte: CareeRealism