Escort nel calcio, una presenza silenziosa

Escort e calciatori

Tempo di polemiche, il nostro, quando si parla di mondo dello spettacolo e della politica in relazione a fatti scandalosi riguardanti, il più delle volte, la droga o il sesso.

I recenti avvenimenti politici, che stanno scuotendo il nostro governo, e la bufera mediatica e giudiziaria che si abbatte in queste ore sul Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, invitano a porsi delle domande.

Uomini ricchi e di potere accusati di sfruttamento della prostituzione minorile, chiamate ed SMS intercettati su minacce, droga e party proibiti: tutto è concesso ai personaggi influenti del nostro Paese, almeno fino a quando le malefatte non arrivano in TV o sul Web. A quel punto è solo questione di tempo e, inevitabilmente, l’integrità delle persone coinvolte ne esce distrutta o, in qualche caso, più forte di prima.

Nel mondo del calcio sembra che le cose vadano in un’altra direzione. Inutile illudersi che sia un ambiente immacolato e che gli unici scandali che potrebbero investirlo riguardano il doping o le partite truccate perché, ovviamente, è tutta una facciata. Fra calciatori, portieri e arbitri, infatti, non mancano i divertimenti, i desideri e il piacere ed è per questo che, seppur con molto meno clamore, scavando a fondo, si arriva al magico mondo del sesso a pagamento.

Nulla di certo, ovviamente, e guai a fare nomi e cognomi, pena pesanti e fastidiose minacce. In particolare, c’è una donna che si chiama Aurora Oliveira e che dietro gli spogliatoi è conosciuta un po’ da tutti, titolari e non. La si potrebbe definire un escort di lusso, carina ma non dalla bellezza mozzafiato e che ha iniziato la propria “carriera” come attrice di film hard. Ripiegare sul mondo del calcio, però è stata una mossa strategica e ora Aurora è richiestissima fra un partita e l’altra:

“Molti stranieri, di ogni dove, ma moltissimi italiani. Soltanto con un paio, un portiere e un attaccante, ho avuto problemi seri, non mi hanno pagata, mi hanno minacciata. E poi molti chiedono prestazioni perverse, molti sono sposati e con figli. Non hanno rimorsi, qualcuno mi parla dei dissidi famigliari, altri restano muti. Io non getto fango, non voglio rovinare nessuno, piuttosto mi hanno vietato di accompagnare mio figlio alla scuola delle suore. Ho accettato senza cercare pietà.”

Il problema più grande, infatti, resta quello della reputazione che le persone coinvolte cercano di proteggere a ogni costo. La donna in questione, che è stata ospite del Chiambretti Night, dichiara di aver ricevuto diverse minacce:

“Molti calciatori mi hanno detto: stai pure calma al posto tuo, noi abbiamo potere di farti del male, tu non sei nessuna. [...] Non ho mai visto droga, ho praticato anche sesso al telefono, inviando mie fotografie via MMS. Mi telefonavano dalla stanza di un albergo, lontano cinquecento chilometri, mi desideravano.”

Il suo è un lavoro come un altro, non fa domande, soddisfa le richieste dei suoi tanti clienti, viene pagata profumatamente e, di tanto in tanto, si trasforma in una sorta di confidente quando il calciatore di turno ha bisogno di sfogarsi con le parole. Dalla descrizione sembra si tratti di un mondo fatto di solitudine più che di sballo e festini a base di sesso e droga ma, ovviamente, Aurora potrebbe essere solo la punta dell’iceberg.

Se vuoi aggiornamenti su Escort nel calcio, una presenza silenziosa inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Tag: calcio, prostituzione
Oroscopo
  • Oroscopo Ariete
  • Oroscopo Toro
  • Oroscopo Gemelli
  • Oroscopo Cancro
  • Oroscopo Leone
  • Oroscopo Vergine
  • Oroscopo Bilancia
  • Oroscopo Scorpione
  • Oroscopo Sagittario
  • Oroscopo Capricorno
  • Oroscopo Acquario
  • Oroscopo Pesci