Le arti marziali al servizio del fitness e della cura del proprio corpo? Esatto, avete capito bene. Anche se non pensate che i combattimenti siano il vostro pane quotidiano, l’antica arte marziale orientale del Tai Chi può risultare davvero utile semplicemente per mantenersi in forma.

Il Tai Chi farà bene inoltre non solo al vostro fisico, e soprattutto ai malati cardiaci, ma anche al vostro spirito: come altre arti marziali provenienti dall’Oriente, vi garantirà infatti di raggiungere una buona forma di rilassamento, vista la sua connessione con la spiritualità taoista. Il Tai Chi inoltre presenta tecniche di respirazione e esercizi che aiutano a correggere i problemi di postura e alleviano alcuni lievi dolori, aiutando inoltre ad asciugare il fisico e a guadagnare una maggiore agilità; si tratta in pratica di una forma di meditazione che aiuta però anche il fisico.

Galleria di immagini: Tai Chi

Il Tai Chi consiste nel concentrarsi sui movimenti e sul respiro, riuscendo a connettere in tale modo il corpo con la mente e riequilibrare l’energia, diventando in questo modo una notevole forma di relax. Un beneficio che lo rende praticato anche in molti ospedali occidentali, soprattutto per curare le malattie mentali e nervose, ma anche per prevenire l’osteoporosi e per migliorare la circolazione e l’ossigenazione del sangue.

Negli ultimi tempi il Tai Chi è però utilizzato sempre più spesso anche nei centri fitness, visto che è una disciplina vantaggiosa anche a livello fisico. In questo caso le lezioni hanno generalmente una durata di un’ora per due volte alla settimana; in questi corsi si eseguono dei semplici movimenti singoli di riscaldamento, necessari per cominciare a prendere confidenza con il proprio corpo e per rilassarsi, e quindi vengono eseguiti esercizi e sequenze più complesse, in cui la respirazione assume un ruolo molto importante. Alla fine della sessione di allenamento c’è quindi un momento dedicato al rilassamento e al raccoglimento interiore.

Di seguito vi proponiamo un semplice esercizio Tai Chi in tre fasi che in genere viene eseguito all’inizio dell’allenamento e che può essere eseguito anche da soli.

Tenete gli occhi chiusi, la schiena eretta e i piedi uniti. Quindi cercate di liberare la mente da ogni pensiero o preoccupazione. Rimanete invece concentrati sull’idea di raccogliere il “chi” (ovvero l’energia) del vostro corpo. Respirate profondamente e naturalmente. Dopodiché prendete un paio di minuti per rasserenare la mente e concentrarvi sul risveglio dell’energia latente. Quindi aprite gli occhi e divaricate i piedi alla larghezza delle spalle. Lasciate pendere le braccia ai lati del corpo e infine concentratevi sul vostro peso che si scarica a terra.

Muovendo i polsi, sollevate le braccia all’altezza delle spalle, tenendo i gomiti e i polsi morbidi, con i palmi rivolti verso il basso e le dita rilassate. Per tutta la durata dell’esercizio, mantenete le spalle abbassate e rilassate, con le gambe morbide e immobili. Ruotate poi il bacino all’interno (i glutei non devono sporgere) e tenete il mento flesso leggermente verso il basso. Quindi piegate le gambe leggermente, mantenendo le ginocchia morbide e le punte dei piedi rivolte in avanti.

Ora le ginocchia devono cadere all’altezza delle punte dei piedi. Mentre vi piegate sulle ginocchia, muovete i polsi portando i gomiti verso il basso e gli avambracci verso l’alto, in modo che le dita delle mani siano sempre rivolte verso l’alto e i palmi in avanti. Quindi raddrizzate le ginocchia, riportando i gomiti in alto e i palmi nuovamente in basso. Ripetete la sequenza per otto volte. Mentre eseguite l’esercizio, pensate anche a mantenere una buona postura fisica e mentale. Non dimenticate infatti che lo scopo fondamentale del Tai Chi è quello di mantenere il corpo rilassato, le articolazioni morbide e la mente concentrata.