La stanchezza è un male comune dovuto alle diverse attività che svolgiamo quotidianamente. Per alleviare questo stato che in parte è anche psicologico si possono fare degli esercizi leggeri e mirati in momenti strategici della giornata: ad esempio prima di cena o quando si è a lavoro, durante la pausa pranzo e dopo un pasto leggero, possiamo provare a fare un po’ di jogging o una camminata veloce per  20, 30 minuti nel parco o nel quartiere di zona.

Tale esercizio è sufficiente per allenare i nostri muscoli e il cuore, ed è un tipo di esercizio fisico raccomandato per alleviare i crampi. Se svolta in compagnia, tale attività ci permette di sfogarci anche delle beghe del {#lavoro} e psicologicamente ci sentiremo alleviati dai pensieri negativi accumulati.  Anche andare a nuotare è un ottimo esercizio contro la stanchezza ed è un movimento che aumenta il flusso sanguigno, innalza i livelli di energia e allevia il mal di testa, ed è efficace anche contro i crampi; inoltre il fatto di muoversi liberi e leggeri nell’acqua senza grandi sforzi calma anche la mente.

Per di più, svolgere almeno 30 addominali bassi e alti insieme (sdraiati su un piano si contraggono i muscoli addominali per qualche secondo ritraendo il ventre per poi rilasciare) almeno 3 volte alla settimana completa il programma di rassodamento prefissato ed è un buon metodo per scaricare la tensione.

Infine da non trascurare sono gli esercizi yoga: si tratta di un’antica disciplina indiana che mira a reintegrare l’individuo e a riequilibrare tutte le sue sfere antropologiche, ovvero quella fisica, psichica e spirituale. Si possono svolgere comodamente a casa: sono sufficienti una tuta comoda, un po’ di esperienza o un tutorial (tipo un DVD), e un tappetino.

Le posizioni yoga sono una sorta di ancora di salvezza contro lo stress e anche durante il periodo della così detta sindrome premestruale. Tale esercizio è un antidoto perfino contro le malattie cardiovascolari perché aumenta il flusso di sangue, ossigena le cellule e, tramite la meditazione, rinforza il sistema immunitario. 

A ogni postura è abbinata una ben precisa respirazione. In generale con la pratica dello yoga si migliorano le funzioni dei polmoni, aumenta il volume massimo dell’inspirazione e l’efficacia dell’espirazione. Una delle posizioni consigliate contro la tensione delle anche, ad esempio, è la farfalla: da seduti, piegare le ginocchia portando le piante dei piedi in contatto tra loro; afferrare i piedi con le mani e iniziare a oscillare le ginocchia. Espirando portarle verso l’alto ed espirando farle scendere verso il basso.

Insomma ci sono vari metodi per combattere la stanchezza e riattivare il metabolismo oramai noti, ma ciò che non dovrebbe mai mancare sono la costanza e la forza di volontà: un modo per iniziare a volersi bene a 360 gradi.

Fonte: Reuters.