Litigi, vestiti da scambiare, contese perenni per le attenzioni di mamma e papà. Il rapporto tra fratelli può essere controverso e, talvolta, non diventa sereno e ricco di complicità fino a quando non si diventa adulti. Ma i benefici di avere fratelli o sorelle ci sono e sono indiscutibili.

A trarre vantaggio della presenza in famiglia di una sorella più grande, ad esempio, sono soprattutto i giovanissimi in età scolare. Secondo uno studio se il nucleo familiare è caratterizzato dalla presenza di più figli, il maggiore avrà un influsso determinante nell’andamento scolastico dei suoi fratelli minori.

Annika Lindskog e il suo team di ricercatori presso l’Università di Göteborg, infatti, ha esaminato con attenzione il livello di scolarizzazione di alcuni gruppi di persone localizzate in una zona dell’Etiopia rurale, arrivando alla conclusione che nell’istruzione di un adolescente, ma anche in quella di un bambino, ha un impatto positivo l’andamento scolastico degli altri membri della famiglia.

“I miei risultati mostrano che una quota maggiore dei fratelli più piccoli frequenta la scuola se i loro fratelli maggiori hanno avuto un’istruzione. Questo effetto è particolarmente forte tra sorelle, indipendentemente dal fatto che la sorella maggiore viva ancora in famiglia.”

Dalle parole della Lindskog si evince un ulteriore aspetto della ricerca, vale a dire che questa relazione è maggiore in presenza di più figlie femmine. Una sorella maggiore che ha avuto un andamento scolastico regolare è quindi fondamentale come modello positivo per gli altri fratelli, e ciò avviene sia in presenza di differenze di età relativamente brevi, sia nel caso in cui non si viva più tutti sotto lo stesso tetto.

Lo studio, tuttavia, non rende note le possibili motivazioni di questa tendenza. Esistono coppie di genitori perennemente combattuti tra un figlio ligio al dovere e un altro decisamente poco interessato ai libri, e spesso questa disparità si manifesta ancora di più quando arriva il momento di scegliere il percorso di studi dopo le scuole dell’obbligo.

Se la sorella maggiore non ha problemi di rendimento scolastico, probabilmente anche il resto della prole seguirà il suo esempio: spirito di emulazione? Desiderio di competizione? I motivi potrebbero essere molteplici, fermo restando che il rapporto tra fratelli è comunque molto forte e, spesso, svolge un ruolo determinante nelle scelte degli adolescenti.

Non bisogna tralasciare, tuttavia, che anche la semplice e comune paura di non essere altrettanto benvoluto da mamma e papà potrebbe giocare un ruolo importante in quest’ambito.