Un evento, più precisamente una ”campagna d’informazione europea sull’energia solare”, si è svolto in tutta l’Italia per informare e sensibilizzare i cittadini all’importanza delle energie pulite.

L’iniziativa è stata pensata con l’obiettivo di incoraggiare l’utilizzo del solare termico e del fotovoltaico, ovvero dell’energia solare sotto forma di calore e di elettricità. Anche quest’anno l’adesione ai Solar Days è stata molto compatta su tutto il territorio nazionale, allo scopo di approfondire le fonti rinnovabili e conoscere i vantaggi che offre la tecnologia solare. Dibattiti, convegni, punti informativi, esposizioni di pannelli solari autoprodotti, laboratori ludici e didattici per i più piccoli per divertirsi all’insegna del sole hanno contrassegnato l’importante manifestazione.

È importante che soprattutto le famiglie conoscano i vantaggi del solare, in quanto il solare e il risparmio energetico non solo contribuiscono concretamente a ridurre i costi delle bollette, ma rappresentano soprattutto un volano a 360° per lo sviluppo dell’occupazione e per la riduzione dell’inquinamento e dell’importazione di combustibili fossili.

È necessario e urgente capire quanto sia importante non fermare le prospettive di sviluppo che arrivano dalle fonti pulite e in particolare dal solare. Purtroppo, i tagli e i limiti alla diffusione del fotovoltaico previsti nei Decreti approvati dal Governo e l’ennesimo rinvio per i provvedimenti che dovrebbero incentivare il solare termico non danno certezze per il futuro.

A livello europeo, lo sviluppo del solare termico fotovoltaico si pone ad elevati standard. La Germania, ad esempio, è il primo mercato del solare con oltre 13 milioni di mq di solare termico (fine 2010) e 24,8 GW di fotovoltaico a fine 2011. Questi risultati dimostrano come le politiche di sviluppo e gli investimenti fatti e programmati per i prossimi anni siano opportunità di crescita, posti di lavoro, risparmio energetico e tutela dell’ambiente.

L’Italia invece è il secondo mercato del solare. In Italia il 95% dei comuni dispone degli impianti che producono energia dal sole. A Torre San Giorgio (CN), ad esempio, è installato è installato un impianto verticale da 1.000 mq con collettori solari ad aria opachi e annesso sistema di ventilazione integrato detto “Solarwall”. Ma molto ancora resta da fare per la diffusione delle fonti rinnovabili.

Nel nostro Paese si va sempre più affermando anche l’importanza di una corretta filiera del recupero e dello smaltimento dei pannelli solari obsoleti. Sul tema il convegno internazionale dal titolo: “Fine vita, dismissione e recycling degli impianti fotovoltaici” svoltosi il 10 maggio u.s. E organizzato da Ambiente Italia e Legambiente.