Città Invisibili” è un articolato progetto culturale, liberamente ispirato alla poetica di Italo Calvino, che, fino a giugno, tenterà di avvicinare le giovani generazioni alla letteratura, all’arte e a una maggiore conoscenza del patrimonio artistico e paesaggistico dell’Italia, a partire dal Veneto, regione pilota.

Alla sua prima edizione, “Città Invisibili” è riuscita a coinvolgere, in Veneto, oltre 40 città e comuni, 800 classi, 120mila bambini e ragazzi (3-14 anni), 100mila famiglie, 1.200 persone. E con oltre 60 incontri promossi all’interno della Biennale di Letteratura e Cultura per l’Infanzia e 683 appuntamenti culturali all’interno del Festival Itinerante per Ragazzi, “Città Invisibili” sarà uno dei progetti più rappresentativi (categoria “Educational”) per quanto riguarda la candidatura NORDEST – Capitale Europea della Cultura.

Ideato da Marnie Campagnaro, curato da Marni Holly & Partners in collaborazione con il Gruppo di Ricerca sulla Letteratura per l’Infanzia diretto da Donatella Lombello (Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata Università di Padova), “Città Invisibili” intende sensibilizzare la comunità sul ruolo e sul valore delle politiche culturali dedicate ai bambini e ai ragazzi: leggere, guardare, narrare, educare lo sguardo, saper mutare i punti di vista, sviluppare una riflessione critica, sono azioni che contribuiscono a formare i cittadini del futuro e a mettere le basi per un più fecondo sviluppo culturale e sociale del nostro Paese.

Quattro le principali aree d’intervento, tra cui Rete Scuole d’Eccellenza, un capillare network di scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, accomunate dall’intento di promuovere questo progetto. Le classi partecipanti avranno in dotazione gratuita: “Rimanere”, albo illustrato da Gek Tessaro che conduce ad una rilettura delle opere d’arte che hanno segnato la storia della pittura italiana; “Leggere con gli occhi, leggere con il cuore”, riflessione critica sul ruolo e sul valore della narrazione iconica; “ABC dell’arte contemporanea“, kit realizzato in collaborazione con il Dipartimento dei Beni Culturali; “Le Città Murate del Veneto e il paesaggio“, albo illustrato che racconta la trasformazione del territorio e del paesaggio nel Veneto. A tutto questo si affiancherà un vero e proprio turismo scolastico.

Il 23 aprile, infine, nella Giornata Mondiale UNESCO del Libro, le scuole, le amministrazioni e le biblioteche coinvolte nel progetto saranno protagoniste di varie iniziative, tra cui un Flash Book Mob gigantesco che coinvolgerà 800 classi del Veneto. Alle 9,15 gli alunni si ritroveranno in tutte le piazze dei comuni aderenti al progetto, ognuno con il proprio libro preferito, e, in contemporanea, inizieranno a leggere in un’armonia di parole. La giornata proseguirà con l’iniziativa “A scuola senza zaino”, che consentirà ai ragazzi di portare in classe i propri libri preferiti e organizzare laboratori di video lettura, atelier creativi e momenti di lettura per incontrare i diversi generi letterari.

Alla giornata evento possono partecipare anche le scuole, le biblioteche, gli enti e le associazioni di altri comuni e città non aderenti alla rete di “Città Invisibili”. Per informazioni o approfondimenti consultare il sito www.cittainvisbili.org.

credit image by John-Morgan via photopin cc