Sono gli ultimi mesi dedicati alla preparazione di Expo 2015 e a Milano non potevano di certo mancare dei padiglioni dedicati alla cucina italiana. E’ stato infatti annunciato che a maggio del prossimo anno saranno presenti anche le eccellenze agroalimentari della Campania: nel Padiglione Italia ci sarà infatti uno spazio dedicato a pizza e pasta, i due simboli del nostro Paese e, più specificamente, del Mezzogiorno. Si chiamerà “Ecco Pizza&Pasta” e, affacciato su Piazza Italia, sarà il punto d’incontro tra Cardo e Decumano al centro del sito espositivo.

A tenere a battesimo il progetto è stata Diana Bracco, vicepresidente di Confindustria e responsabile del Padiglione Italia di Expo 2015, che insieme a Carlo Calenda, viceministro dello Sviluppo economico, hanno presentato il progetto a Napoli al meeting della Piccola industria di Confindustria. “Sono molto lieta che la gara che abbiamo indetto per selezionare il concessionario della progettazione e realizzazione dello spazio dedicato a pasta e pizza sia stato vinto da questo raggruppamento temporaneo” dichiara la Bracco, sottolineando l’importanza che questi due piatti hanno per l’Italia e che l’hanno resa celebre in tutto il mondo per la ricchezza di ingredienti, sapori e colori della cucina nostrana. L’idea, lanciata da 7 imprenditori campani, ha lo scopo di promuovere all’estero la grande tradizione dell’agroalimentare italiano: con questo progetto Napoli vuole tracciare una strada virtuosa per l’industria alimentare dell’intero Paese.

“Tutta la strategia di promozione la stiamo rivedendo alla luce di far venire le persone in Italia piuttosto che andare fuori. Il prossimo anno pensiamo di fare una campagna di advertising negli Stati Uniti sull’alimentare spendendo una quarantina di milioni di euro”, con queste parole Calenda precisa uno degli obiettivi che è stato prefissato in vista di Expo. Infine la Bracco assicura che i lavori per realizzare il Palazzo Italia si concluderanno entro questo mese: insieme al Cardo deve rappresentare il territorio italiano sul sito di Expo 2015.

photo credit: Kitchen Wench via photopin cc