Un’iniziativa è partita da Facebook e si è diffusa molto velocemente attraverso il mondo del social network più famoso. Complici una serie di attività nazionali, quali sit-in, dibattiti, manifestazioni e flash-mob per riportare in alto l’immagine della donna e contrastare questa deriva poltical-gossippara che sta devastando il mondo femminile.

La proposta è quella di sostituire la propria immagine del profilo con la foto di una delle tantissime donne che si sono distinte per il loro valore umano, morale, culturale, sociale, politico e lavorativo. Una manifestazione simbolica che ha preso piede con costanza e passione, un gesto per ricordare alle donne del futuro che il proprio corpo è un tempio e non si deve svilire con il mercimonio in cambi di soldi o un posto in politica.

L’iniziativa è stata organizzata da una giornalista, che si firma con il nome di Sara.Mago, che ha voluto sottolineare l’importanza dell’identità delle donne, i diritti raggiunti con difficoltà attraverso gli anni. Le lotte e le manifestazioni per raggiungere il diritto di voto, di lavoro, della tutela della salute e della libertà di espressione.

Galleria di immagini: Le donne dicono No su Facebook

La donna ancora oggi vive un ruolo subalterno rispetto all’uomo, nonostante la legge ne dichiari le pari opportunità. Nel lavoro e nella vita sociale è vittima di ingiustizie, violenze domestiche e molestie; complici i media che ne trasmettono un’immagine distorta, inguainata in abiti sexy e relegata al ruolo della bella statuina non pensante.