I social network come Facebook e Twitter sono ormai diffusissimi a livello mondiale, basta pensare che solo il primo conta ad oggi più di 600 milioni di utenti sparsi per il globo terrestre. Un loro uso costante può però provocare negli adolescenti problemi psicologici e portare a quella che i dottori hanno definito come la “depressione da Facebook”.

Coloro che stanno troppo tempo tra un profilo e un altro del sito in blu hanno di che preoccuparsi, secondo un influente gruppo di medici statunitensi. In base allo studio, pubblicato nella rivista Pediatrics, è stato spiegato come Facebook possa creare una falsa realtà: quando i ragazzi aggiornano costantemente il loro stato, postano le foto o i video, solitamente mostrano il lato migliore di sé stessi, o almeno cercano di nascondere eventuali difetti e caratteristiche a loro stessi sgradite.

Galleria di immagini: Depressione

Ciò comporterebbe per i giovani più vulnerabili una visione distorta della realtà, e portano a pensare di non essere all’altezza dei coetanei, contribuendo a una ancora maggiore depressione: questo perché su Internet non c’è modo di vedere le espressioni del viso o leggere il linguaggio del corpo, elementi fondamentali per una buona comunicazione.

In definitiva, può essere più pericoloso il rapporto virtuale con gli altri giovani piuttosto che pranzare da soli in un posto affollato, spiegano i ricercatori. Il risultato di tale ricerca si va aggiungere a quella simile, condotta alla Stony Brook University, che aveva rilevato come SMS, email e social network possono peggiorare lo stato d’animo dei ragazzi e li portano a concentrarsi su questioni futili piuttosto che dedicarsi alle azioni quotidiane utili per il loro futuro.

Un giovane sedicenne ha confermato ciò che lo studio ha spiegato:

“se non si hanno molti amici e non si sta ottenendo quello che si desidera nella vita reale, quando invece si vedono entusiasmanti aggiornamenti di stato delle altre persone e fotografie in cui questi condividono bei momenti con altri amici, si può vedere come si possa rimanere letteralmente sconvolti.”

Ci sono dunque molte persone a rischio di depressione per via delle interazioni negative derivanti dalle piattaforme sociali, per questo è sempre un bene non esagerare e limitare il proprio tempo trascorso online, soprattutto se non si ha un carattere forte.