La polemica che si è abbattuta su Rita Dalla Chiesa e il suo “Forum” non si placa, neanche dopo diversi giorni dall’accaduto. Per chi non avesse seguito la vicenda, la nota trasmissione Mediaset ha ospitato la causa di una donna, Marina Villa, che si è spacciata per un’aquilana desiderosa di riaprire il suo negozio di abiti da sposa distrutto dal sisma.

La conduttrice ha raccontato di essere stata oggetto di pesanti insulti anche mentre cammina per strada, espressi da persone che le ricordano la figura paterna simbolo di giustizia, il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa ucciso con la moglie Emanuela nel corso di un attentato nel 1982.

Galleria di immagini: Rita Dalla Chiesa e Forum

“La Palermo onesta che amava tuo padre ti disprezza – Come si dorme nel letto di Putin? – Tuo padre si sta rivoltando nella tomba. Venerdì sono dovuta andare via da una pizzeria di Ponte Milvio: da un tavolo è partita una provocazione e da un altro un applauso di risposta. Scena simile il giorno dopo, fuori dall’Auditorium Parco della Musica: due ragazzi mi hanno urlato “ma non si vergogna, complimenti per la trasmissione!”.

Questi solo alcuni dei commenti che Rita riceve quasi quotidianamente, nonostante non si sia certo nascosta in seguito alla polemica e abbia cercato di chiarire l’episodio. La conduttrice ha espresso il suo rammarico, ribadendo tuttavia che la storia di base relativa alla Villa era comunque vera.

“La storia di base era vera. Avevamo avuto la segnalazione via fax di una moglie che chiedeva all’ex coniuge una somma una tantum al posto dei versamenti mensili. Nel nostro database di diecimila provini avevamo questa Marina Villa, di Popoli, che mi sono andata a rivedere: un anno fa ci aveva raccontato davvero di essere scampata al terremoto, di essersi ferita e che due suoi vicini di casa erano morti”.

È sempre la Dalla Chiesa a lamentarsi del fatto che solo pochissimi colleghi hanno deciso di contattarla per esprimerle solidarietà, tra i quali Antonella Clerici e Massimo Giletti. Dagli altri, invece, solo silenzio assoluto. Stesso discorso per altre figure importanti nel panorama politico italiano, come Guido Bertolaso o lo stesso Silvio Berlusconi.