Sabrina Mbarek scagionata dalle accuse di raccomandazione al Grande Fratello dalla sorella su Facebook. In queste ultime settimane sono stati in tanti a gridare al complotto di fronte a una concorrente che ha superato brillantemente le nomination, seppure apparsa molto in sordina rispetto ad altri concorrenti da sempre nelle grazie del pubblico, come gli eliminati Ilenia Pastorelli e Vito Mancini, anche se su quest’ultimo pesa forse il giudizio di un televoto che pare non aver tollerato la sua mancata presa di posizione su argomenti cardine della casa.

La teoria del complotto su Sabrina Mbarek ha assunto comunque posizioni piuttosto grottesche: si sono date colpe agli autori del Grande Fratello perché Sabrina pare fosse a conoscenza del contenuto delle buste per la salvezza finale, contenuto che secondo alcuni la giovane avrebbe persino suggerito a Franco Giusti, non esattamente un suo amico nella casa più spiata d’Italia.

Galleria di immagini: Gaia Elide Bruschini

Leggi l'articolo     LEGGI i dubbi su Sabrina Mbarek    Leggi l'articolo

Poi è spuntata persino l’ipotesi di uno sceicco che avrebbe letteralmente finanziato dei call center addetti a televotare Sabrina. In Rete sono spuntate tutte queste tesi, alcune fantasiose, altre più plausibili, finché la famiglia della stessa Sabrina ha deciso di prendere una posizione. In particolare contro i fan di Gaia Bruschini, “rei” di aver appoggiato la teoria del complotto. La sorella di Sabrina ha scritto sulla pagina Facebook di Gaia, rispondendo alle accuse sul famigerato sceicco:

«Mmmm, lo sceicco c’è e lo so per certo… Ma cosa ti inventi? Scusa ma come fai a sapere una cosa per certo se non esiste? Ah, comunque sono la sorella di Sabrina. Adesso mi riferisco a tutti voi, potreste evitare di scrive baggianate del tipo che è raccomandata, che è protetta da quelli del GF (che cosa ci guadagnerebbero ad aiutare mia sorella? È una concorrente come tutti gli altri, l’unica differenza è che piace al pubblico). Smettetela di inventarvi che mia madre sta con uno sceicco, che poi dico, ma come vi vengono in mente queste fantasie? Non mi capacito di queste parole, mia sorella non è protetta da nessuno, non è raccomandata da nessuno e non ha usato nessun call center. Siate sportivi e che vinca il migliore.»

La sorella di Sabrina, per quanto possa essere creduta o meno, su una cosa ha oggettivamente ragione: il Grande Fratello è un gioco e come tale va considerato. Ma di contro su Sabrina pesa un giudizio della Rete piuttosto inclemente: sulla sua pagina si millanta anche l’appoggio della fanpage di Mauro Marin, il vincitore del GF10, ma in effetti i Marins, un vero e proprio esercito di oltre 400.000 persone, seppur nutrendo una simpatia per Sabrina non si sono mai adoperati per voti collettivi o iniziative simili.

Né può funzionare oggettivamente l’accostamento tra Sabrina e lo stesso Mauro Marin: quando Mauro ha vinto era sì odiato da tutti i suoi coinquilini, ma è stato uno dei concorrenti del reality che ha dato di più, e non solo nell’edizione cui ha preso parte. Mauro ha portato scompiglio, conquistato donne, utilizzato strategie quasi geniali ai fini del gioco, fatto scherzi, divertendo il pubblico con la sua verve, cose che Sabrina non ha fatto. E se proprio vogliamo trovare il pelo nell’uovo, sebbene storicamente i concorrenti del GF a cultura generale non stiano messi sempre benissimo come stigmatizzato ogni anno dalla Gialappa’s band, Sabrina si è distinta per un’assurda tesi sulla Seconda Guerra Mondiale, secondo cui l’Italia ha finto di perdere la guerra per favorire Francia e Inghilterra: si spera che certe tesi non siano accolte dagli adolescenti, una delle fasce giovanili cui il reality si rivolge. Infine un dubbio rimane: chi ha inviato quei numerosissimi aerei in favore di Sabrina, anche più di uno al giorno, quando il suo stesso fanclub nega?

Fonte: MondoReality.