I ritmi frenetici della vita quotidiana ci costringono spesso a saltare la prima colazione, oppure a consumarla velocemente senza prestare attenzione a che cosa mangiamo. Quando si tratta di bambini, tuttavia, questo momento della giornata non deve essere trascurato e necessita di particolari attenzioni.

A ribadire questo concetto ci hanno pensato i dietisti riuniti nel ventitreesimo congresso Andid, incentrato proprio sull’alimentazione durante l’infanzia. Dalle indicazioni rese note dagli esperti, infatti, scaturisce che la colazione è il pasto più importante della giornata per i bambini, e se fatta correttamente garantisce un migliore rendimento nello studio e nelle attività della giornata.

Galleria di immagini: Colazione dei bambini

Sembra infatti che il 9% dei bambini salta completamente il primo pasto della giornata, mentre il 30% lo fa in modo non corretto. Questo porta, nel 68& dei casi, a ingerire alimenti troppo calorici a metà mattina, prevalentemente merendine e snack ricchi di grassi che non sono facilmente digeribili e non offrono il giusto apporto di principi nutritivi.

Secondo Claudio Maffeis, pediatra dell’Università di Verona, una buona colazione aiuta i piccoli a migliorare il livello di attenzione e le capacità di apprendimento, nonché lo sviluppo della memoria.

È stato infatti dimostrato come i carboidrati ingeriti subiscono un processo di ossidazione che porta a un miglioramento delle capacità cognitive, grazie anche al glucosio che garantisce alti livelli energetici. Iniziare la giornata con un pasto equilibrato, inoltre, limita il rischio di obesità e il conseguente sviluppo di malattie cardiovascolari.

Ma come deve essere la colazione ideale per i bambini? Per essere completo, questo pasto deve provvedere al 15-20% del fabbisogno calorico giornaliero, stando a quanto sostenuto dalle linee guida stilate dall’INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione). In poche parole, via libera a latte e yogurt, cereali e spremute di frutta fresca senza zuccheri aggiunti, più carboidrati come pane, fette biscottate e biscotti secchi.