Sono in tanti e soprattutto in tante a sostenerlo già da tempo, ma ora arriva anche la conferma scientifica: lo shopping allunga la vita. La notizia arriva da uno studio condotto in Taiwan e renderà certamente felici tutte le, ma anche gli, shopaholic là fuori.

Le ricerche sono state condotte da un gruppo di ricercatori del National Health Research Institutes di Zhunan e pubblicate sul Journal of Epidemiology and Community Health. Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, dai risultati viene fuori che a ottenere i maggiori benefici dallo shopping sono gli uomini ancor più delle donne.

Galleria di immagini: Shopping online

La ricerca ha coinvolto l’impiego di indagini su ben 1850 persone di età oltre i 65 anni; da quanto emerge dai risultati, le persone che hanno fatto compere e shopping ogni giorno hanno una vita più lunga rispetto a quelle che invece hanno deciso di mettere mano al portafogli meno spesso.

Uno studio che è andato avanti 10 anni, dal 1998 al 2008 e che ci fornisce i seguenti dati: il 17% delle persone prese in considerazione andava a fare acquisti una volta al giorno, il 22% tra le due e le quattro volte alla settimana, il 13% una sola volta alla settimana e il 48% con una frequenza ancora minore. Al termine del periodo preso in esame, le persone che si sono dedicate allo shopping quotidiano sono incorse in un rischio di morte inferiore del 27%, con un’efficacia del 28% negli uomini, mentre nelle donne “solo” del 23%. E questo è di certo il dato più sorprendente e inaspettato dell’indagine: gli uomini sembrano provare ancora più piacere e ottengono un maggior beneficio dunque nel fare shopping. Chi l’avrebbe detto?

I ricercatori autori dello studio hanno commentato i risultati formulando la seguente ipotesi:

Il piacere per lo shopping potrebbe contribuire al benessere psicologico. Inoltre, rispetto ad altri tipi di attività fisiche, come lo sport, che normalmente richiede motivazione e una certa formazione, fare compere è più facile e si tratta anche di un’attività più semplice anche da mantenere nel tempo.

L’unico problemino di cui forse non tengono conto gli autori della ricerca è che nel frattempo c’è stata la crisi economica e quindi, per quanto lo shopping rimanga un’attività assolutamente piacevole e gratificante, non è più così facile e alla portata di tutti come poteva esserlo prima.

I ricercatori sostengono inoltre che:

Lo shopping coinvolge diverse dimensioni del benessere personale, sia dal punto di vista della salute che della coesione sociale, e potrebbe quindi aumentare la longevità. Un viaggio al supermercato o al centro commerciale implica un contatto sociale e un po’ di esercizio, che potrebbero essere sufficienti ad assicurare l’effetto.

E allora non ci resta che andare tutti a fare shopping. È per il bene della nostra salute.