Fashion blogger: chi ha detto che è tutto oro quel che luccica? A dire il vero, le fashion blogger sono le più bersagliate, tra le figure del settore, di critiche e di melelingue che corrono nei loro confronti, cercando di distruggerne l’immagine.

E se anche cercano di resistere, tavolta le fashion blogger proprio non riescono, cadendo in veri e propri errori di stile.

Galleria di immagini: Fashion blogger: errori di stile da non copiare

Ecco gli errori delle fashion blogger da non ripetere.

  • Perché fare una foto come quella di Chiara Ferragni in pelliccia, quando poi il riflesso mostra un fotografo in pantaloncini corti e t-shirt? Ogni indumento ha una sua stagione e, come tale, deve essere indossato nel momento giusto (a meno che gli sponsor non pressino troppo).
  • Discorso diverso per Chiara Biasi, celebre star di Instagram, che ha colpito il pubblico con il suo dimagrimento eccessivo. Eh sì, perché il suo corpo è ora scavato e mette in risalto costole ed anche. In questo caso, l’errore da non copiare è quello di dimagrire esageratamente, come invece fanno molte fashion blogger.
  • Chiara Nasti mette l’accento sul cattivo gusto posando i piedi sul tavolino di un aereo che, dopo poche ore, avrebbe accolto il pranzo di qualche altro viaggiatore.
  • Elena Petrella, giocando sulla nudità con poca eleganza, cerca di inviare il messaggio promozionale con la stessa verve di un’attrice di film +18.
  • Elisa Bellino ci mostra come non si debba esasperare il bisogno di giovinezza. Ok essere eterni Peter Pan, ma con un po’ di dignità.
  • Elisa Tivati, invece, mette in risalto la capacità di abbinare volumi e forme che non fanno altro che appiattire ed allargare: con una gonna lunga e morbida, assoluto divieto agli stivali “drappeggiati”.
  • Gli occhiali (ed in generale gli accessori) devono essere adatti alla propria fisicità; è importante non prendere spunto da Laura Grampa per questo, che sceglie per lei occhiali fuori misura che le rovinano il viso.
  • Con Alessia Milanese, invece, il discorso si fa più serio: ecco, quella non è Moda. Non c’è nulla di elegante in tutto quello che ha; l’unico messaggio che riesce ad inviare è quello di avere un cattivo gusto nella scelta degli indumenti.
  • Infine, con Valentina Coco, è possibile arrivare il sodo della questione: la felicità è a portata di mano se hai degli sponsor che ti inviano cose costosissime solo per una foto (fatta, tra l’altro, male).