La fashion week milanese è iniziata da poco, ma le sentinelle della moda si sono messe subito a lavoro e hanno segnalato i primi due casi di anoressia in passerella.

Le sentinelle della moda, sono un’iniziativa voluta dall’assessore alla salute di Milano Giampaolo Landi. Queste sentinelle hanno il compito di supervisionare le misure delle modelle e segnalare casi di magrezza patologica.

Non sono stati ancora fatti i nomi delle due modelle, perché bisogna prima verificare se si tratta di magrezza fisiologica o patologica. Tuttavia, per chi è dell’ambiente basta poco per capire se si tratta di magrezza sana o di magrezza malata:

Quelle sane hanno muscoli e pelle tesa, e un colore roseo sulle guance. Le anoressiche, solitamente, hanno ossa al posto di gambe e scapole e costole a vista.

Adesso, come ha spiegato Giampaolo Landi, bisogna aspettare la decisione del presidente della Camera Nazionale della Moda, il cavalier Boselli. L’assessore ha poi affermato che:

Non voglio censurare nulla, voglio soltanto contestare quei casi di magrezza patologica, che non hanno niente a che vedere con l’eleganza, ma hanno solo un potere nocivo sulle giovanissime, che potrebbero vedere in loro un modello pericoloso da seguire.

A noi però sorge un dubbio, ovvero che la settimana della moda sia iniziata nel segno della contraddizione. Da un lato troviamo le sentinelle della moda dall’altro l’esclusione del marchio Elena Mirò dalle passerelle milanesi. Come a dire: non le vogliamo troppo magre ma guai se hanno delle forme nei punti giusti.