Non è il sesso ad aggiudicarsi il primato nella classifica delle cose più importanti all’interno della coppia. A rivelarlo è una ricerca americana, secondo la quale l’aspetto che più di tutti fa funzionare un rapporto è la fedeltà.

Dunque, l’intesa sessuale è importante, ma ciò che davvero conta è essere fedeli al proprio partner. Ma allora perché si sente così spesso parlare di tradimenti?

La fedeltà sembra essere per tanti alla base della vita di coppia, eppure non si può negare che tradire sia una pratica molto diffusa. Sono gli adulteri a essere diventati bravi a nascondere le loro infedeltà o sono i loro partner a essere più disposti al perdono?

Pensare che tutte riescano a perdonare un tradimento è poco realistico, certo è che tante lo fanno. C’è chi confessa di riuscirci solo nel caso di una scappatella, ossia nel caso in cui il partner abbia avuto una relazione occasionale e non duratura. La giustificazione al comportamento dell’infedele starebbe, oltre che nell’eccezionalità del fatto, nella mancanza di coinvolgimento sentimentale. Forse, concedendo agli uomini queste scusanti, siamo proprio noi donne a legittimare le loro infedeltà.

C’è anche chi pensa che sia meglio non essere messe al corrente di un tradimento; come dire “occhio non vede, cuore non duole”.

Ci sono poi i casi di vere e proprie storie parallele, che durano mesi, a volte anni. In queste situazioni che fare? Si può davvero pensare di continuare a vivere con la persona che ci ha ingannate?

Allora, non sarebbe meglio smettere di perdonare e cominciare a pretendere fedeltà? Che poi altro non è che il rispetto da parte del partner. Basterebbe ricordare che se il rapporto di coppia è appagante, e non solo a livello sessuale, non c’è motivo di tradire.