Federica Pellegrini è stata lasciata dall’allenatore Federico Bonifacenti a sole due settimane prima degli Europei. È durata appena poco più di tre mesi e mezzo l’avventura tra la campionessa olimpionica del nuoto e il tecnico di Verona che era stato ingaggiato dopo la fine del contratto con Philippe Lucas, al termine dei Mondiali di Shangai.

Galleria di immagini: Federica Pellegrini, la leggenda del nuoto

Bonifacenti è il terzo tecnico a saltare nel giro di due anni e adesso si pensa a Claudio Rossetti per rimpiazzarlo, l’allenatore dei velocisti tra i quali si annovera Filippo Magnini. Motivo della rottura con l’allenatore di Verona risiederebbe nel fatto che Federica Pellegrini avrebbe posto gli Europei in Vasca Corta di Stettino e gli Assoluti Invernali come momenti scelti per decidere sul futuro del tecnico e Bonifacenti non avrebbe gradito la fiducia a termine. La situazione sarebbe precipitata nel giro di poco.

La decisione è stata comunicata dalla Pellegrini stessa sulla Gazzetta dello Sport:

«Sì, ieri sono stata lasciata dall’allenatore Bonifacenti. Condivideva con Claudio Rossetto la responsabilità tecnica della mia preparazione per l’Olimpiade di Londra. Purtroppo lavorare con me non è semplice e soprattutto non è semplice lavorare tranquillamente convivendo con tutto il circo mediatico che mi gira attorno. Adesso dovrò organizzarmi da zero per queste ultime due settimane che mi separano dagli Europei. Come sempre valuterò le questioni tecniche con grande attenzione e dopo gli Assoluti di Riccione, sarò in grado di prendere una decisione definitiva. Resto serena e concentrata sul mio obiettivo olimpico.»

Decisione confermata da Bonifacenti:

«Confermo di aver comunicato a Federica Pellegrini, in via del tutto personale, di voler sospendere la conduzione tecnica della sua preparazione. Per chiarezza, le motivazioni alla base della decisione afferiscono alla difficoltà di conciliare tra Verona e Roma i necessari e delicati periodi di allenamento. Mi rendo conto che motivazioni comprensibili di carattere personale portano Federica a una particolare propensione verso Roma modificando le sue abitudini. Il mio impegno, che è stato richiesto da Federica e supportato dalla Federazione, è stato sin qui svolto in completa autonomia, seguendo uno scrupoloso programma finalizzato alle Olimpiadi. La mia decisione scoppia di chiarezza e di buon senso e consente a Federica, sin da subito, di ragionare sulle sue intenzioni.»

Adesso Federica Pellegrini dovrà dunque trovare un nuovo allenatore e organizzarsi nuovamente per Stettino, ove gareggerà nei 400 stile.

Fonti: Repubblica; Ansa.