Roma o Shanghai non fa molta differenza, in fondo, una piscina è sempre una piscina e una gara sui 400 metri stile libero è sempre la stessa, almeno se ti chiami Federica Pellegrini e sei la campionessa in carica della disciplina.

La nuotatrice azzurra, infatti, dopo aver conquistato la medaglia d’oro in questa specialità ai passati Mondiali di nuoto disputati in terra amica, si è confermata dopo due anni anche in Cina, dove è tornata a primeggiare mettendosi forse definitivamente alle spalle i momenti bui che l’hanno vista cambiare due volte allenatore fino a decidere di trasferirsi momentaneamente a Parigi per allenarsi e ritrovare se stessa.

Galleria di immagini: Federica Pellegrini

Ieri quindi il capolavoro: partenza calma e senza forzare, nemmeno quando la danese Lotte Friis cerca di alzare il ritmo. A metà prova l’italiana è quinta, ma perfettamente in corsa per la medaglia più ambita, che arriva con una seconda parte assolutamente perfetta, caratterizzata una progressione nemmeno lontanamente sostenibile dalle rivali più accreditate, con la sola Rebecca Adlington che prova a infastidire l’azzurra ma senza successo, ottenendo un secondo posto ma staccata di oltre due secondi.

Il dopo-gara è il momento della gioia, come si capisce dalle dichiarazioni rilasciate a caldo ai giornalisti di Rai Sport:

“Sono davvero felice, è andato tutto bene e sono molto soddisfatta, ho ritrovato delle belle sensazioni. Ho ritrovato quelle sensazioni che mi mancavano da due anni. Ero concentrata, ma serena. Non ho accusato neanche la tachicardia che ti prende un’ora prima della gara. Questo oro rispetto a quello di due anni fa è diverso. Sono cambiata anche nel modo di affrontare la gara”.

Federica Pellegrini ha chiuso così con il tempo di 4’01’97, quattro decimi sopra il record del mondo fatto segnare agli Europei di Eindhoven e quanto basta per confermare che la più forte è ancora lei, ancora una volta.