Forse una figuraccia a settimana è abbastanza per Guendalina Tavassi al Grande Fratello. Lunedì scorso, in effetti, non è che sia apparsa al meglio nel suo confronto con Margherita Zanatta, colpevole a suo dire di aver scritto “un libro de Kafka” di cattiverie ai suoi danni. Ma forse ha capito di aver fatto una cosa sbagliata e ha fatto ammenda di quello che ha detto. Si spera che Guendalina recuperi l’amicizia, che sembrava davvero bella.

Con chi Guendalina non è andata mai d’accordo è Ferdinando Giordano. La mamma romana aveva affermato a Domenica Cinque e precedentemente nella casa di Cinecittà che, se Ferdinando ha dei debiti, è perché si è divertito, aggiungendo cose spiacevoli sul padre del ragazzo. Il quale, come si è detto più volte era un camorrista.

Galleria di immagini: Guendalina Tavassi

Ci ha pensato però Lucia Giordano, sorella di Ferdi, a spiegare la posizione della famiglia: Lucia è intervenuta a Mattino Cinque. Il talk show aveva chiesto anche un faccia a faccia con Guendalina che non si è presentata né è risultata reperibile al telefono, così come il fratello Edoardo Tavassi.

Naturalmente, la famiglia di Ferdinando ci è rimasta molto male per le dichiarazioni di Guenda, in particolare quelle in cui faceva riferimento a delle minacce di morte contro di lei. Ma Lucia ha spiegato l’arcano: in pratica l’autrice delle minacce era un fake, una ragazza che si spacciava per cugina di Ferdinando. La famiglia Giordano, una volta scoperto tutto, ha persino chiesto scusa per qualcosa di cui non aveva responsabilità: ciononostante i Giordano vengono ancora accusati di minacce.

Lucia ha spiegato:

“Pensavamo di agire anche per vie legali inizialmente, ma poi ci abbiamo pensato, e abbiamo detto, a che serve? Quando Ferdi sarà fuori sarà lui stesso a dire di lasciar correre! Noi siamo fieri della nostra famiglia, perché nostro papà ci ha sempre tenuto fuori da quella vita, insegnandoci la fatica e l’importanza di guadagnarsi da vivere da soli. Che non si parli più di mio padre che non c’è più, ma solo di Ferdinando.”

E ribatte anche a chi parla male di Ferdi e dei suoi debiti:

“Sentir dire che mio fratello era assassino, tossico e ladro da parte di Davide Baroncini e Guendalina è stato bruttissimo, davanti la TV c’erano i miei figli e hanno visto tutto. Di Ferdinando giocatore si può dire tutto, ma di lui come persona non lo ammetto. I miei figli mi chiedevano: mamma chi ha ucciso lo zio? Noi non abbiamo minacciato nessuno! Mio fratello è una persona per bene, e i suoi debiti erano fatti per noi. Lui mi pagò anche la comunione di mio figlio perché io non potevo.”