Il Salone di Parigi, vetrina importante per le più prestigiose case automobilistiche del mondo, ospita la nuova Ferrari California, chiamata così in onore della famosa spider degli anni Cinquanta.

Linee accattivanti ispirate proprio a quei gloriosi anni, accentuata aggressività e, per la prima volta, una soluzione composita coupé/cabriolet grazie alla capote rigida ripiegabile che impiega solo 14 secondi per scomparire nel bagagliaio comunicante con l’abitacolo.

Non è una vera e propria 2+2 per quanto riguarda la configurazione dei posti a sedere: infatti già la casa di Maranello aveva parlato di 2+, e il motivo della precisazione è evidente, visto che dietro ai comodi sedili anteriori sono presenti due spazi angusti, due poltroncine di emergenza sulle quale dovranno arrampicarsi i comunque fortunati passeggeri posteriori.

Le soluzioni motoristiche messe appunto dagli ingegneri del cavallino non deludono le aspettative suscitate dall’aspetto elegante e aggressivo della California: ha un V8 di 4.3 litri ad iniezione diretta capace di erogare 460CV, accelera da 0 a 100 km/h in soli quattro secondi, la trasmissione è automatica a doppia frizione con un cambio a sette marce, è dotata di freni Brembo con dischi in materiale carboceramico.

Molto soddisfatto Luca Cordero di Montezemolo:

Cambio, sospensioni e telaio rappresentano quanto di più avanzato sappiamo fare. La California 2+ è una vettura facile da guidare, ma capace di assicurare prestazioni eccezionali

La produzione annuale è stimata a 2.000 unità e il prezzo del modello base è di 179mila euro. Tutta la produzione 2008 e 2009 è stata venduta, quindi, per averla, bisogna aspettare fino al 2011. Infine, parlando della California, Montezemolo ha anche voluto tributare:

Un ricordo di un grande amico e imprenditore, Andrea Pininfarina, che mi manca molto.