Arriva puntuale come ogni anno la ricorrenza che festeggia tutte le mamme, prevista per l’8 maggio 2011. Regali fatti in casa, disegni, poesie e cartoline di auguri sono sempre gradite, così come un fiore, ma vogliamo segnalare anche alcune iniziative solidali che uniscono l’idea del dono a un’azione di concreta solidarietà.

Per la Festa della mamma, infatti, sono tante le associazioni e organizzazioni a scopo benefico che si sono mosse per proporre un regalo alternativo, che oltre a fare la felicità delle tante madri italiane ha il nobile scopo di aiutare chi ne ha più bisogno.

Galleria di immagini: Festa della mamma

Passando in rassegna alcune di queste iniziative, iniziamo da quella ideata dal CESVI, che ha promosso un progetto legato alla lotta contro l’Aids. SI tratta dell’evento “Fermiamo l’AIDS sul nascere”, che propone un’offerta di nove euro che consentirà a una donna africana di effettuare il test dell’HIV ed evitare il possibile contagio con il suo bambino. In cambio, chi farà l’offerta attraverso il sito CESVI potrà ricevere una pergamena personalizzata.

CBM Italia, invece, propone un’altra iniziativa solidale questa volta finalizzata a privare della cecità una delle tante donne che soffrono di cataratta e glaucoma residenti nelle zone più povere del mondo. Con trenta euro sarà infatti possibile regalare un’operazione risolutiva per queste patologie, un intervento abbastanza semplice e tuttavia quasi sempre impossibile da effettuare in condizioni di assoluta indigenza.

Come ogni anno, inoltre, torna la campagna promossa da AIRC che metterà in vendita l’azalea della ricerca in moltissime piazze italiane, acquistabile per quindici euro. Il denaro servirà a finanziare la ricerca contro il cancro.

Infine, un’altra proposta solidale arriva dal brand Gucci, che ha creato la Mamma Bag in edizione limitata, una borsa dedica all’Unicef acquistabile solo attraverso il sito ufficiale dal 28 aprile al 15 maggio 2011. Il 25% della vendita di ciascuna borsa sarà devoluto a sostegno dei programmi HIV/AIDS portati avanti dall’Unicef.