Portare i bambini a lavoro, almeno per un giorno. Ecco in che cosa consiste la Festa delle mamme che lavorano, iniziativa promossa dalla Stampa e dal Corriere della Sera che in questo 2011 si terrà venerdì 20 maggio.

In Italia si tratta della diciassettesima edizione, e sono molte le aziende anche hanno aderito mettendo a disposizione, anche se solo per un giorno, i propri locali a tutte le mamme lavoratrici. L’evento ha lo scopo di sensibilizzare il mercato del lavoro riguardo le necessità e le problematiche relative alla gestione familiare quando entrambi i genitori hanno un’occupazione fuori casa.

Galleria di immagini: Lavori per mamme felici

Svolgere al meglio il ruolo di madre e quello di lavoratrice, infatti, non è sempre possibile a causa della mancanza di flessibilità da parte dei datori di lavoro, e anche dall’assenza di normative in proposito.

A questo si aggiunge anche la difficoltà nel trovare un’adeguata sistemazione ai figli in età prescolare, considerando la carenza di posti disponibili negli asili nido e le rette spesso improponibili per chi ha uno stipendio assolutamente normale.

Questa edizione, inoltre, arriva in un momento non certo roseo per l’occupazione femminile nella penisola, messo in evidenza grazie alle recenti indagini che hanno reso nota la tendenza attuale delle donne italiane che vogliono continuare a lavorare, di mettere al mondo dei figli solo se possono contare sull’aiuto prezioso dei nonni.

Sono in tante, inoltre, a rinunciare ai figli per portare avanti le proprie ambizioni lavorative, una soluzione che sembra stia portando a un forte calo delle nascite. Con questa iniziativa, almeno per un giorno, moltissime donne potranno vedere realizzato uno dei loro sogni, conciliare lavoro e famiglia.