La 61ma edizione della Berlinale si è conclusa con la vittoria del film iraniano firmato dal cineasta Asghar Farhadi, “Nader and Simin: A Separation”.

Il Festival tedesco si conferma così essere sempre molto attento alla situazione politico-culturale del Mediterraneo, premiando un regista iraniano e ricordando il grande assente tra i giurati, Jafar Panahi, costretto in carcere in Iran per aver chiesto maggior libertà per il suo Paese. La Giuria della kermesse tedesca, presieduta da Isabella Rossellini, ha così voluto omaggiare il grande maestro Panahi, attraverso la premiazione di un suo connazionale.

Galleria di immagini: Asghar Farhadi a Berlino

Nader and Simin: A Separation” non è solo una pellicola simbolo di una rivoluzione culturale interna all’Iran, ma anche un film profondo e intenso. Il regista Asghar Farhadi accompagna lo spettatore in un viaggio a metà tra il drammatico e il thriller, un viaggio nell’Iran contemporaneo per capire e immergersi nelle difficoltà quotidiane delle relazioni interpersonali, tra intrighi e menzogne di una società che aspira alla modernità e al benessere, ma che risulta violenta e chiusa.

Il film ha vinto anche l’Orso d’argento per le miglior interpretazioni femminili, assegnate rispettivamente a Sareh Bayat, Sarina Farhadi, Leila Hatami, e per quelle maschili, riconosciute a Peyman Moadi, Ali Asghar Shahbazi e Babak Karimi.

Il regista ha così dichiarato durante la premiazione:

“Non avrei mai pensato di vincere questo premio. Rappresenta un’ottima opportunità per comprendere il popolo del mio Paese, la terra dove sono cresciuto, la terra dove ho imparato le storie che racconto, un popolo meraviglioso”.

Riguardo al suo connazionale, Jafar Panahi, il regista ha aggiunto:

“Vorrei spendere qualche parola anche su Jafar Panahi. Spero veramente che la sua situazione si risolva e che lui possa essere qui, tra noi, il prossimo anno”.

L’Orso d’argento – Gran Prix della Giuria è andato a “The Turin Horse” di Béla Tarr, mentre il premio per la “Miglior regia” è stato consegnato a Ulrich Koehler per il film “Sleeping Sickness”.