Shutter Island“, l’ultimo film di Martin Scorsese presentato fuori concorso alla sessantesima edizione della “Berlinale“, è un triller psicologico ambientato negli anni ’50.

La storia racconta di una coppia di investigatori interpretati da Leonardo Di Caprio e Mark Ruffalo, mandati a Shutter Island, in un manicomio criminale, per per venire a capo sulla misteriosa scomparsa di una paziente avvenuta all’interno della struttura/isola.

La pellicola di Scorsese, nasce dall’omonimo libro di Dennis Lane, e dai ricordi del regista durante il periodo della guerra fredda. L’accoglienza avuta a Berlino da “Shutter Island”, è stata piuttosto tiepida, sia da parte della critica che da parte del pubblico, questo a causa di una svolta paranormale contenuta all’interno del film ad un certo punto della narrazione.

Il film scioglie ogni dubbio allo spettatore solo alla fine, proprio come in una pellicola di Alfred Hitchcock, dopotutto è stato lo stesso di Caprio ad ammettere che, per interpretare il ruolo dell’investigatore Teddy Daniels, si è fortemente ispirato a James Stewart in “La donna che visse due volte”. Fra gli altri attori protagonisti del film, ci saranno Michelle Williams, Ben Kingsley e Patricia Clarkson, la pellicola sarà disponibile nelle sale italiane a partire dal prossimo 5 marzo.