I film che parteciperanno al Festival di Cannes 2018? Come ogni anno, la lista dei lungometraggi – che si susseguiranno dall’8 al 19 maggio – è variegata e attinge da diverse cinematografie nazionali. Ad assegnare i premi più importanti, compresa la Palma d’oro, la giuria presieduta dall’attrice Cate Blanchett, dopo che l’anno scorso il presidente era stato Pedro Almodovar. Nell’edizione del 2017 la Palma d’oro fu assegnata a The Square, del regista svedese Ruben Ostlund.

In competizione, nella Selezione Ufficiale, presenti due film italiani: Lazzaro felice di Alice Rohrwacher (con Nicoletta Braschi) e Dogman di Matteo Garrone. Ci saranno anche un film di Spike Lee e uno di Jean-Luc Godard. Il film di apertura della 71esima edizione del Festival di Cannes sarà Todos lo saben, diretto dal regista Asghar Farhadi; durante il Festival sarà presentato (fuori concorso) anche Solo: A Star Wars Story, diretto da Ron Howard. Ci sarà anche una proiezione speciale di 2001: Odissea nello spazio, che ha da poco compiuto cinquant’anni.

Leggi anche: Cate Blanchett presidente di giuria a Cannes 2018 | Festival di Cannes 2018, tutti gli ospiti attesi in Croisette

Da segnalare che Rafiki (che in swahili vuol dire amiche), primo film keniano in concorso a Cannes, nella categoria Un Certain Regard, è stato bandito in Kenya perché tratta di un amore lesbico. Il “Kenya Film Classification Board” (Kfcb) ha avvertito che essere trovati in possesso del video sarà considerato una violazione della legge, che nel paese africano commina 14 anni di reclusione a chi pratica sesso omosessuale.

Grande assente al Festvial di Cannes 2018 Loro, il film di Paolo Sorrentino su Silvio Berlusconi. Interpellato da un giornalista francese sull’inattesa assenza del film italiano dal cartellone Terry Fremaux, delegato generale del Festival,  ha risposto: “Il film di Paolo Sorrentino è diviso in due parti. E la sua stessa natura ci ha fatto esitare dall’includerlo, ma ne stiamo ancora discutendo“. Molte, tuttavia, le voci, che vorrebbero l’esclusione dovuta alla presenza di scene in cui il corpo femminile viene esposto in maniera esplicita e ossessiva, in controtendenza con le nuove indicazioni del movimento Metoo di cui Cate Blanchett è una fervente sostenitrice.

Film in concorso al Festival di Cannes 2018

Sono 21 i film nella Selezione Ufficiale in concorso quest’anno al Festival di Cannes. La giuria è presieduta dall’attrice americana Cate Blanchett. Ecco le pellicole in concorso:

  • Todos lo saben, regia di Asghar Farhadi (Spagna, Francia, Italia) – Film di apertura
  • En guerre, regia di Stéphane Brizé (Francia)
  • Dogman, regia di Matteo Garrone (Italia, Francia)
  • Le livre d’image, regia di Jean-Luc Godard (Svizzera)
  • Netemo sametemo, regia di Ryusuke Hamaguchi (Giappone)
  • Plaire, aimer et courir vite, regia di Christophe Honoré (Francia)
  • Manbiki kazok, regia di Hirokazu Kore’eda (Giappone)
  • Les filles du soleil, regia di Eva Husson (Francia)
  • Jiānghú érnǚ, regia di Jia Zhangke (Cina)
  • Capharnaüm, regia di Nadine Labaki (Libano)
  • Burning, regia di Lee Chang-dong (Corea del Sud)
  • BlacKkKlansman, regia di Spike Lee (Stati Uniti d’America)
  • Lazzaro felice, regia di Alice Rohrwacher (Italia)
  • Trois Visages, regia di Jafar Panahi (Iran)
  • Under the Silver Lake, regia di David Robert Mitchell (Stati Uniti d’America)
  • Zimna wojna, regia di Pawel Pawlikowski (Polonia)
  • Leto, regia di Kirill Serebrennikov (Russia)
  • Yomeddine, regia di Abu Bakr Shawky (Egitto)
  • Un couteau dans le cœur, regia di Yann Gonzalez (Francia)
  • Ayka, regia di Sergei Dvortsevoy (Kazakistan)
  • Ahlat Agaci, regia di Nuri Bilge Ceylan (Turchia)

Film fuori concorso

  • Solo: A Star Wars Story, regia di Ron Howard (Stati Uniti d’America)
  • Le Grand Bain, regia di Gilles Lellouche (Francia)
  • The Man Who Killed Don Quixote, regia di Terry Gilliam (Regno Unito, Francia, Spagna, Portogallo, Belgio) – Film di chiusura
  • The House That Jack Built, regia di Lars von Trier (Danimarca, Francia, Germania, Svezia)

Film in concorso Un Certain Regard

Sezione della selezione ufficiale del Festival di Cannes, fondata da Gilles Jacob nel 1978, viene premiata dal 1998.  film in concorso nel 2018  sono:

  • Gräns, regia di Ali Abbasi (Svezia)
  • Sofia, regia di Meyem Benm’Barek (Francia)
  • Les chatouilles, regia di Andréa Bescond e Eric Métayer (Francia)
  • Di qiu zui hou de ye wan, regia di Bi Gan (Cina)
  • Manto, regia di Nandita Das (India)
  • Des bails de rêve, regia di Antoine Desrosières (Francia)
  • Girl, regia di Lukas Dhont (Belgio)
  • Gueule d’ange, regia di Vanessa Filho (Francia)
  • Euforia, regia di Valeria Golino (Italia)
  • Rafiki, regia di Wanuri Kahiu (Kenya)
  • Mon tissu préféré, regia di Gaya Jiji (Francia, Germania, Turchia)
  • Die Stropers, regia di Etienne Kallos (Sud Africa, Francia)
  • In My Room, regia di Ulrich Köhler (Germania, Italia)
  • El Ángel, regia di Luis Ortega (Argentina, Spagna)
  • The Gentle Indifference of the World, regia di Adilkhan Yerzhanov (Kazakistan, Francia)
  • Muere, Monstruo, Muere, regia di Alejandro Fadel (Argentina)
  • Chuva é cantoria na aldeia dos mortos, regia di João Salaviza e Renée Nader Messora (Portogallo, Brasile)
  • Donbass, regia di Sergei Loznitsa (Ucraina)

Proiezioni speciali

  • 10 Jours en Thaïlande, regia di Aditya Assarat, Wisit Sasanatieng, Chulayarnon Sriphol e Apichatpong Weerasethakul (Thailandia)
  • The State Against Mandela and the Others, regia di Nicolas Champeaux e Gilles Porte (Francia)
  • O Grande Circo Místico, regia di Carlos Diegues (Brasile)
  • La Traversée, regia di Romain Goupil e Daniel Cohn-Bendit (Francia)
  • À tous vents, regia di Michel Toesca (Francia)
  • Another Day of Life, regia di Damian Nenow e Raul de la Fuente (Polonia)
  • Dead Souls, regia di Wang Bing (Cina)
  • Papa Francesco – Un uomo di parola (Pope Francis – A Man of his World), regia di Wim Wenders (Germania)

Proiezioni di mezzanotte

  • Arctic, regia di Joe Penna (Islanda)
  • Gongjack, regia di Yong-Jang Bing (Corea del Sud)
  • Fahrenheit 451, regia di Ramin Bahrani (Stati Uniti d’America)
  • Whitney, regia di Kevin Macdonald (Regno Unito)

Cannes Classics

  • 2001: Odissea nello spazio (2001: A Space Odyssey), regia di Stanley Kubrick (1968, Regno Unito, Stati Uniti d’America) – 50° anniversario
  • Piccola ladra (Battement de coeur), regia di Henri Decoin (1939, Francia)
  • Ladri di biciclette, regia di Vittorio De Sica (1948, Italia)
  • Enamorada, regia di Emilio Fernández (1946, Messico)
  • Viaggio a Tokyo (Tōkyō monogatari), regia di Yasujiro Ozu (1953, Giappone)
  • La donna che visse due volte (Vertigo), regia di Alfred Hitchcock (1958, Stati Uniti d’America)
  • L’appartamento (The Apartment), regia di Billy Wilder (1960, Stati Uniti d’America)
  • I diamanti della notte (Démanty noci), regia di Jan Němec (1964, Repubblica Ceca)
  • Guerra e pace: Andrei Bolkonsky (Voyna i mir), regia di Sergey Bondarchuk (1965, Russia)
  • Suzanne Simonin, la religiosa (Suzanne Simonin, la Religieuse de Diderot), regia di Jacques Rivette (1965, Francia)
  • Elpojiet dzili, regia di Rolands Kalniņš (1967, Lettonia)
  • L’ora dei forni (La hora de los hornos: Notas y testimonios sobre el neocolonialismo, la violencia y la liberación), regia di Fernando Solanas (1968, Argentina)
  • Gli specialisti, regia di Sergio Corbucci (1969, Francia, Italia, Germania)
  • João en het mes, regia di George Sluizer (1971, Paesi Bassi)
  • Coup pour coup, regia di Marin Karmitz (1972, Francia)
  • L’une chante, l’autre pas, regia di Agnès Varda (1977, Francia)
  • Grease – Brillantina (Grease), regia di Randal Kleiser (1978, Stati Uniti d’America)
  • Fad’jal, regia di Safi Faye (1979, Senegal, Francia)
  • Cinq et la peau, regia di Pierre Rissient (1981, Francia, Filippine)
  • L’isola degli amori (A Ilha dos Amores), regia di Paulo Rocha (1982, Portogallo, Giappone)
  • Bagdad Café, regia di Percy Adlon (1987, Germania)
  • Le Grand Bleu, regia di Luc Besson (1988, Francia, Stati Uniti d’America, Italia)
  • A spasso con Daisy (Driving Miss Daisy), regia di Bruce Beresford (1989, Stati Uniti d’America)
  • Cyrano de Bergerac, regia di Jean-Paul Rappeneau (1990, Francia)
  • Iene (Hyenas), regia di Djibril Diop Mambety (1992, Senegal, Francia, Svizzera)
  • Lamb, regia di Paulin Soumanou Vieyra (1963, Senegal)
  • Il destino (Al-massir), regia di Youssef Chahine (1997, Egitto, Francia)