Emma Marrone vince il Festival di Sanremo 2012 con “Non è l’inferno”. I bookmakers inglesi in fondo avevano ragione, dando come favorita la ex vincitrice di Amici, che ora va a rinfoltire la schiera dei concorrenti del talent show di {#Maria De Filippi} che sono riusciti a trionfare sul palco dell’Ariston.

Fresca, giovane, bella, voce grandiosa, politica. Emma Marrone ha tutte le carte in regola per un futuro radioso nel mondo della musica e ha finito per dividere il podio del Festival di Sanremo con altri due prodotti da talent show, Noemi, ex concorrente di X-Factor, e Arisa che dello stesso talent è quest’anno giudice su Sky. Samuele Bersani si aggiudica infine il premio della critica “Mia Martini”.

Galleria di immagini: Sanremo 2012: Emma, Dolcenera, Carone

Si è trattato di un finale al cardiopalmo: fino alla fine il televoto del pubblico ha scelto tra le tre, dopo che il giudizio della sala stampa ha letteralmente sbattuto fuori dal podio Gigi D’Alessio con Loredana Bertè in favore della rossa Noemi. La vincitrice si è detta felice di condividere il palco con due donne, che poi sono le artiste che stima di più.

Quello che ci si chiede è come mai i concorrenti dei reality sembrano essere favoriti a Sanremo (vanno ricordate le vittorie, tra gli altri di Marco Carta e Valerio Scanu negli anni passati). Noemi ed Emma hanno provato a rispondere a questa domanda:

«Se si viene fuori da Amici o da una cantina, se hai un fuoco dentro, se devi sfondare sfondi. {#Amici} e {#X-Factor} sono uno scudo per non accettare l’evidenza che al di fuori delle telecamere ci sono artisti come tanti altri. Se uno è forte è forte e arriva alla gente. La gente comanda, viene ai concerti, compra la musica. Non nascondiamoci più dietro a questi schemi, ci siamo e non possiamo scomparire.»

Chi vince con Emma oltre al talent è il Salento, la terra nell’estremo lembo d’Italia che ha sfornato anche Dolcenera, giunta sesta, e Pierdavide Carone che si è esibito con Lucio Dalla. Tutti e tre questi artisti hanno stupito e fatto discutere, e fa piacere che siano finalmente i giovani i protagonisti di Sanremo. Anche se forse per decollare, ormai, il talent è d’obbligo.

Fonte: La Stampa.