Raffaella Fico si confessa a Chi, settimanale che ormai possiamo considerare una sorta di “diario” personale, dove la showgirl è libera di inviare messaggi, fare annunci, pubblicare foto esclusive (ad esempio quelle della neonata figlia Pia, o dei furtivi e “segretissimi” incontri amorosi). Potere di Alfonso Signorini.

Ennesima dichiarazione rivolta al Super Mario nazionale, accompagnata da cotanta sviolinata: “Mario è un buono, lo conosco. Sono certa che in questo momento sta soffrendo tantissimo, perché non può vedere sua figlia. Forse è mal consigliato, non so“.

Peccato che però proprio Balotelli le avesse chiesto di porre fine al reality delle loro vite sbattute sulle copertine dei tabloid, pena la decisione di non incontrare mai Pia che, nel frattempo, non si capisce per quale motivo deve scontare l’idiozia dei suoi genitori sulla sua pelle. Ad ogni modo la Fico insiste: “Mario è meno forte di come appare. Se ascoltasse solo il suo cuore, so che avrebbe voglia di abbracciare Pia, vorrebbe annusare il suo profumo, vorrebbe coccolarla, addormentarsi con lei, vorrebbe sentire il battito del suo cuore. Lo so, perché Mario è anche questo“.

Riferendosi ad una precedente intervista di Balotelli nella quale il giocatore aveva detto di voler conoscere Pia e di sperare che fosse sua figlia, ma che non era facile vederla per questioni legali, l’ex inquilina del Grande Fratello sottolinea: “Non c’è nessun problema legale. Non so più come urlare al mondo che Pia è figlia di Mario, che Pia è frutto del nostro amore, che Pia è la bambina che è stata concepita quando due persone avevano deciso di sposarsi. E, invece, mi ritrovo ancora una volta a essere considerata una bugiarda“.

“La nostra storia è finita – prosegue Fico – Ci ho messo una pietra sopra e ho smesso di sognare. Ho visto che ora è fidanzato ed è felice. Ho letto che, per incontrare il suo nuovo amore, ha preso addirittura un jet privato. Beh, a Napoli c’è anche un altro amore della sua vita che lo aspetta ed è nostra figlia di quattro mesi. Può venire con qualsiasi mezzo desideri. Le porte di casa mia sono sempre aperte“.