I film di paura per Halloween sono un grande classico per trascorrere, in questo periodo, i pomeriggi o le serate in coppia, con gli amici ma anche da soli o in famiglia, a patto di non avere figli al di sotto dei 14-16 anni, età consigliata per iniziare a vedere questo tipo di film.

Certo, esiste tutto un filone di classici film di Halloween per bambini e ragazzi da non perdere, tra zucche e scherzetti, ma i film di paura sono l’ideale per trasmettere l’atmosfera di terrore tipica di questa festa americana che ha ormai preso piede anche da noi nella notte tra il 31 ottobre e il 1° novembre.

Demoni, serial killer, spiriti, atmosfere lugubri e fughe al cardiopalma la fanno da padrone in queste pellicole che costringono gli spettatori incollati al divano, e pronti a sobbalzare a ogni minimo scricchiolio, grido, ululato, rintocco.

Abbandonate, allora, almeno per una volta l’anno, la speranza del lieto fine, e immergetevi nella visione dei 10 migliori film di paura per Halloween.

  1. L’esorcista (1973). Il film di paura più famoso del cinema e secondo qualcuno anche il più spaventoso: Regan MacNeil, dodicenne con genitori separati, comincia ad assumere strani comportamenti che preoccupano sua madre. Malattia mentale o possessione diabolica? Un cult che dopo 40 anni resta inossidabile.
  2. Non aprite quella porta (1974). In un’America in piena crisi economica Tobe Hooper ci fa conoscere un’allegra famigliola di cannibali e soprattutto il suo membro più rappresentativo, il gigantesco Faccia di Cuoio, armato di motosega e dedito al cucito con la pelle delle sue vittime. Il primo di una lunga serie di sequel.
  3. Halloween – La notte delle streghe (1978). John Carpenter mentre girava questo film probabilmente non immaginava di creare un vero e proprio genere horror, il cosiddetto “slasher”, per intenderci quello che ha come protagonista un assassino mascherato. Nella notte di Halloween qualcuno comincia a uccidere i ragazzi del vicinato. Chi è Michael Myers, cosa si nasconde dietro la sua terrificante maschera bianca?
  4. Shining (1980). Kubrick porta sullo schermo il romanzo di Stephen King e “fa impazzire” Jack Nicholson chiuso con la famiglia nell’Overlook Hotel sperduto tra le montagne. Tra apparizioni dal passato e visioni sul futuro, ci si perde nelle stanze dell’albergo più inquietante della storia del cinema.
  5. La casa dei 1000 corpi (2003). Opera prima di Rob Zombie, un horror vecchio stile anche se girato nel 2003. Contiene tutti gli elementi dei classici horror da vedere nella notte di Halloween, un gruppo di giovani a cui la macchina non riparte, una casa infestata da strani personaggi, un assassino che è già diventato un classico, Capitan Spaulding e il suo macabro trucco da pagliaccio.
  6. Shutter (2004). Cosa si nasconde dietro quei bagliori di luce che appaiono nelle fotografie di una giovane coppia? L’indagine ci porta a scoprire più di uno scheletro nell’armadio dei due, scheletri che non vogliono essere dimenticati e tornano a rivendicare il passato.
  7. Halloween – The Beginning (2007). Rob Zombie riprende in mano il personaggio di Michael Myers creato da Carpenter e lo pone sotto una nuova luce, non più l’assassino soprannaturale, ma un serial killer realistico. Il lato oscuro di Michael, il suo passato, tutto quello che non abbiamo saputo in 30 anni dal primo film, ci viene svelato in questo remake di alto livello emotivo.
  8. Drag Me to Hell (2009). Sam Raimi è maestro dell’horror condito da un’ironia macabra che contraddistingue tutti i suoi film, in questo un’antica maledizione lanciata da un’anziana zingara perseguita Christine facendola precipitare in un inferno di apparizioni demoniache. Da vedere tenendosi stretti al divano.
  9. Quella casa nel bosco (2011). Un film che mette in scena i classici cliché del cinema dell’orrore, dagli spiriti alla casa abbandonata, per poi ribaltare la situazione e mostrarci qualcosa di diverso dal solito, che mai ci saremo aspettati: cinque ragazzi partono per il weekend verso una casa nel bosco, non sanno cosa troveranno ad attenderli.
  10. The visit (2015). M. Night Shyamalan ci ha già insegnato ne Il Sesto Senso che niente è come sembra, quindi le premesse per temere il peggio le abbiamo tutte anche nel suo ultimo film: due bambini vengono mandati dalla propria madre a passare il weekend con i nonni che non hanno mai conosciuto, ma qualcosa di strano mina il nuovo quadretto familiare.