Gennaio è tempo di nuovi programmi e buoni propositi, anche in materia di sport e benessere fisico. Le palestre riaprono le iscrizioni ai nuovi corsi, e inizia la lenta e graduale preparazione alla prova bikini, mai troppo lontana. Ma quali sono le novità del 2011?

L’American College of Sport Medicine ha definito quelle che sono le nuove tendenze in materia di fitness per il nuovo anno appena arrivato, e questo sulla base di un sondaggio a livello mondiale. In definitiva, sembra che il tanto amato pilates sia destinato a passare in secondo piano, così come le attività finalizzate a scolpire la muscolatura. Sono in arrivo, invece, nuovi programmi rilassanti a base di yoga, ma la vera novità è data dagli incentivi per i lavoratori.

Galleria di immagini: Fitness

Permessi per staccare un paio d’ore dalla postazione di lavoro e recarsi in palestra, oppure piccoli aumenti di stipendio da spendere in attività sportive: il mondo del lavoro sembra stia riconoscendo l’importanza dell’attività fisica per il benessere fisico e psichico del personale.

In crescita anche il legame tra fitness e medicina, infatti molti esperti del settore consigliano alcuni corsi ed esercizi particolari proprio come cura o prevenzione. È sempre l’American College a lanciare la campagna “Exercise is medicine”, ma come si pone l’Italia davanti a questa novità?

Da noi il cambiamento più sensibile è legato alle motivazioni per cui si fa attività fisica. Qualche anno fa si andava in palestra solo per ragioni estetiche, oggi ci si vuole anche divertire, rilassare e si punta a sciogliere le tensioni accumulate durante la giornata. In Italia c’è, in più, un forte desiderio di evasione, che faccia bene allo spirito oltre che al corpo. Ecco perché hanno successo tutte le iniziative che uniscono attività fisica, musica e colore, come i corsi di burlesque o di musical.

Questo è quanto sostenuto da Gabriella Ranzi, direttore generale di una nota catena di palestre milanesi. Nel nostro paese si andrà quindi avanti con lo yoga, con il dainami (pilates più respirazione yoga), e naturalmente con il running, che sebbene non sia una tendenza riconosciuta a livello mondiale, coinvolge ogni giorno centinaia di connazionali.