Non ne fa una giusta la soubrette Flavia Vento (foto by infophoto) che, dopo essere stata emarginata dalle liste dell’API di Rutelli, da quelle de La Destra di Storace e bannata su twitter da Beppe Grillo, ha deciso di proseguire la sua avventura politica in solitaria. “Noto con molto dispiacere che il sig @beppe_grillo mi ha bloccato su Twitter….Bene dopo di questo posso dire che non sono più grillina. Siamo in democrazia e invece questi finti politici fanno i dittatori” dichiara la showgirl.

Flavia, che non si arrende mai, ha annunciato infatti di voler fondare un partito tutto suo durante la trasmissione televisiva Domenica Live e la presentazione del manifesto, con tanto di raccolta firme, è stata organizzata a piazza del Popolo a Roma.

Peccato però che insieme al banchetto e al programma, che prevede punti come no a Equitalia, no al ticket al pronto soccorso e no agli animali nei circhi, etc… Flavia Vento non abbia portato anche l’autorizzazione per l’occupazione di suolo pubblico. Così la raccolta firme, che secondo lei erano arrivate a cento in dieci minuti, è stata prontamente interrotta dall’intervento dei carabinieri.

Il nome del partito crediamo sia già stabilito: “Il vento del cambiamento”, ci aspettiamo ora di vedere il logo.