Chi pensa che gli uomini siano insensibili al corteggiamento di una donna si sbaglia di grosso. L’arte del flirt, tecnica che non può mancare nel repertorio usato da un uomo per sedurre una donna, può essere utilizzata anche dal gentil sesso.

L’arte del flirt è un argomento delicato e complesso allo stesso tempo, diventato oggetto di studio degli specialisti i quali hanno tracciato delle vere e proprie linee guida da seguire per affinare la propria arte di seduzione.

Tutto comincia dagli occhi: è necessario mantenere fisso lo sguardo sull’altra persona per mostrare interesse nella conversazione. Se una donna si accorge che un uomo la guarda da circa due secondi perde completamente l’attenzione e lo stesso discorso vale anche per l’altro sesso. Un altro motivo per prestare particolarmente attenzione agli occhi in un flirt riguarda la comunicazione non verbale: uno sguardo è più importante di tante parole di contorno, soprattutto perché è in grado di trasmettere emozioni in modo chiaro e diretto.

Nonostante uomo e donna siano quasi sempre in contrasto durante una conversazione, per ridurre il numero di battibecchi è necessario essere sinceri ed equilibrati in un discorso. La maggior parte delle coppie che si incontrano per la prima volta, infatti, modifica la realtà quando parla, altera il comportamento, la postura e tende a mentire durante una conversazione.

Un esempio lampante riguarda tutti i discorsi maschili sulla seduzione. Per cui, alle donne è consigliato evitare di essere sdolcinate quando non si provano veramente sentimenti forti, soprattutto se l’unico obiettivo da raggiungere è costringere l’uomo a contraccambiare con parole dolci ma dette in modo forzato.

La scienza del flirt si basa molto sull’interpretazione del linguaggio del corpo, fondamentale per conquistare un uomo. Secondo un sondaggio della BBC, infatti, l’amore che un uomo prova per una donna sarebbe rivelato dal 55% dei messaggi che invia attraverso il linguaggio del suo corpo, mentre è individuato solo dal 7% delle parole pronunciate. Quindi, una donna che sa essere una buona osservatrice dei comportamenti maschili ha più chance nella seduzione di un uomo.

Infine, a differenza di quello che molte donne immaginano, l’uomo moderno è attratto dalle curve di una donna e perde spesso interesse in coloro che hanno sacrificato le proprie forme per un corpo esile e snello. Se si volesse quantificare le misure della donna perfetta bisognerebbe studiare quelle della vita e dei fianchi: pare infatti che l’attrazione maschile si concentri sulle donne con una circonferenza della vita pari a circa il 70% di quella dei fianchi.