Nel secondo semestre del 2011 i canoni di locazione a Napoli hanno registrato una diminuzione dell’1,1% per i bilocali e del 2,3% per i trilocali.

Diverse le quotazioni da zona a zona della città. Nel centro storico, ad esempio, nella zona compresa tra Porta Capuana, via Arenaccia e Corso Garibaldi, si è registrata una buona solidità del mercato degli affitti, con una sostanziale stabilità registrata nel secondo semestre 2011 e un notevole dinamismo nei primi mesi del 2012.

Sono in prevalenza le giovani coppie a cercare case in affitto a canoni contenuti, mentre diminuiscono gli stranieri che cercano quasi esclusivamente nell’area del Tribunale. L’importo dei canoni in questa zona si aggira tra i 350 e i 400 euro al mese per un monolocale, sui 500 euro mensili nel caso di un bilocale e i 600 euro per un trilocale.

Stabile, nel secondo semestre del 2011, il mercato delle locazioni nel quartiere Ponticelli, un’area limitrofa a viale Margherita e all’Ospedale Evangelico “Villa Betania”. Il mercato di questo quartiere popolare non è particolarmente dinamico, poiché in genere gli affitti vengono contrattati direttamente tra privati, anche tra parenti. Per questo motivo, prendono in affitto esclusivamente residenti del posto, famiglie e nuove coppie: tipologia preferita il trilocale, la richiesta generale è un canone di locazione sostenibile.

Il mercato delle locazioni della zona di via Foria, nel centro storico di Napoli, ha subito uno stop nel secondo semestre del 2011, in quanto i potenziali clienti sono diventati più riflessivi e cercano la soluzione che meglio risponde alle proprie esigenze abitative e alla loro disponibilità economica.

Gli inquilini sono prevalentemente stranieri: tipologie preferite i bilocali possibilmente già arredati e vicini ai servizi e ai mezzi pubblici. Presenti giovani coppie, che preferiscono bilocali e anche trilocali, luminosi, con ascensore, situati ai piani alti e ubicati in una zona centrale. Poche le richieste di studenti a causa della lontananza dall’Università Federico II, per cui preferiscono in genere la zona del Duomo, soluzioni luminose e canoni di locazione in condivisione per sostenere le spese: preferenze per appartamenti di piccolo taglio e, talvolta, per stanze singole a circa 250 euro al mese.