Era già capitato in Egitto, ora anche in Marocco: una coppia di giovani aveva postato sulla loro pagina Facebook una foto che li ritraeva mentre si baciavano. Un’immagine per niente volgare, assolutamente decente, che non può alludere ad altro che a un semplice scambio di effusioni tra adolescenti di 14-15 anni, perlomeno in Italia. Appunto in Italia.

In Marocco invece, la fotografia in questione ha suscitato l’ira del governo che ha accusato i protagonisti di atti osceni in luogo pubblico, li ha arrestati, ed è ora in procinto di rinchiudere anche l’autore dello scatto.

Mentre ci si prepara al processo che inizierà domani, 22 novembre, il web si mobilità perché i due giovani vengano scagionati: nelle ultime ore Anonymous e gli hacktivist di tutto il mondo hanno organizzato una Tweet storm (una tempesta di Tweet) in supporto ai due ragazzi al grido di #NadorKiss.

Tanti gli utenti del social network che si sono uniti alla protesta per la liberazione dei ragazzi e la denuncia delle lviolene perpetrate nei paesi Medio Orientali contro le donne.