Non si può certo dire che Paola Bacchiddu non stia mettendo anima e soprattutto corpo per sostenere la campagna elettorale di Tsipras in vista delle elezioni europee. Il Capo della comunicazione nazionale della lista l’Altra Europa con Tsipras, infatti, è da giorni al centro delle polemiche per aver postato su Facebook una sua foto in costume (con chiari intenti ironici, a suo dire) intitolata così: “Ciao. E’ iniziata la campagna elettorale e io uso qualunque mezzo“, dove qualunque mezzo sta per “sedere in bella vista”.

Non solo accuse di “velismo” contro di lei: la sua bacheca Facebook è inondata di messaggi di sostenitori (sia uomini che donne!) che hanno apprezzato il gesto ironico e non vi hanno trovato nulla di male. La Bacchiddu ha comunque voluto replicare a tutti coloro che l’accusano di aver usato il suo corpo maldestramente e l’ha fatto andando come ospite nella puntata di Matrix di ieri sera.

La sua partecipazione al programma era stata preannunciata con un lungo post sul noto social network, in cui la bella Paola ha comunicato che: “Stasera sarò ospite di Matrix per dire due parole su questa vicenda. Una sola presenza televisiva – nonostante mi abbiano offerto di tutto. Poi non ne voglio più parlare. Sono trascorsi cinque giorni folli che mi hanno travolto come un ciclone. Ho letto, visto e sentito di tutto. Ho ricevuto una valanga di fango e, al contempo, un’inaspettata manifestazione di solidarietà. Sono stata delusa da alcune persone e sorpresa piacevolmente da altre. Ho taciuto di fronte alle ingiurie per tutelare me, la mia famiglia e la Lista che rappresento e che sono certa approderà alle europee con successo. Per i suoi contenuti politici e per la forza magnifica di tutti coloro che stanno contribuendo a costruirla. Credo che il mio gesto, declinato in infinite esegesi, abbia comunque centrato un obbiettivo: denunciare un sistema dell’informazione seriamente malato, e un paese che si è rivelato profondamente sessista e retrivo. Al di là d’ogni aspettativa. Ho tentato in tutti i modi di guadagnare spazi mediatici per il nostro progetto politico, ma i media vengono agganciati solo – evidentemente – da un bikini, perdendo completamente la testa. E’ gravissimo. Rifletterei su questo, più che su sciocchezze grette come quelle che ho ascoltato in questi giorni. Rispetto chi non ha condiviso il mio gesto e lo ha espresso con intelligenza e continenza. E’ fisiologico che non si abbia tutti il medesimo parere, ci mancherebbe. Rispondo, al contrario, alla tempesta di violenza che mi è personalmente piovuta addosso con la fortuna di avere una famiglia e degli amici cari che hanno risposto nell’unica maniera in cui si poteva fare, in occasioni del genere: “Siamo dalla tua parte”. Concludo, ora che l’attenzione è finalmente desta, col messaggio con cui ho aperto: andate a votare il 25 maggio e votate l’Altra Europa con Tsipras”.

(photo credit: profilo Facebook pubblico di Paola Bacchiddu)

Galleria di immagini: Paola Bacchiddu, le foto su Facebook