Le foto profilo di Facebook sono il peggiore incubo dell’acchiappo online. Lo sappiamo tutte, e tutte proviamo a rimediare tirando fuori dal cappello i “vecchi santini”, foto formato tessera di quando eravamo vent’anni più giovani: le scannerizziamo, le carichiamo su Facebook, e ci rendiamo conto che a 10 anni non avevamo poi tutto questo sex appeal. Quindi passiamo al piano B: trascorriamo intere notti insonni davanti a Photoshop per capire se esiste un comando che cancelli le uniche borse che noi donne non vorremmo mai nella nostra vita: quelle sotto gli occhi. Anche il piano B fa schifo.

Ok. Niente panico. Tutti i problemi di vitale importanza hanno una soluzione e la nostra Coniglia preferita, Micol Ronchi @MadameLapine1, è stata inviata da Occupydeejay in missione punitiva proprio per farcela raccontare da un serio professionista, Settimio Benedusi, fotografo ufficiale di Sport Illustrated.

La regola fondamentale, ci spiega Benedusi è la naturalezza: via “boccucce a piccione”, sguardi melensi e occhi a pesce lesso. Se non siete voi stesse non convincete nessuno. Rilassatevi e sorridete. Quindi posizionatevi davanti ad una bella finestra illuminata dalla luce morbida del sole e scattate la vostra foto profilo con iPhone (o Android, o checchessia) utilizzando il programma giusto. Tra i consigliati, oltre al più famoso Instagram, c’è anche Cross Process. Modificate, caricate, e il gioco è fatto. Il risultato? Anche se non siete Micol, è superlativo. Garantisce la Coniglia.