Ci sono dei piccoli trucchi di bellezza che possono portare a risultati controproducenti, se utilizzati in modo in appropriato. Questo vale non solo per il famigerato botox o per gli interventi di chirurgia estetica, che alla lunga tendono a rendere il paziente quasi impresentabile, ma anche per i rimedi meno tradizionali.

Pensiamo a Photoshop: quante volte vi siete stupiti per la totale mancanza di rughe o per la forma perfetta di questa o di quella star? E ancora, quante volte vi siete indignati per l’aspetto assolutamente innaturale di alcune copertine?

Galleria di immagini: Errori di Photoshop

Quella del fotoritocco è un’arte che può davvero fare miracoli, ma che può portare a veri e propri disastri, se svolta senza la dovuta perizia. Tali disastri possono manifestarsi in vari modi: corpi dalle forme innaturali, volti truccati e artefatti, addirittura arti mancanti. Quello che però è un difetto molto comune delle immagini ritoccate è di imporre come modello di bellezza immagini che, letteralmente, non esistono in natura.

Poco dopo l’uscita della campagna pubblicitaria di Dolce&Gabbana le foto di Madonna, scelta come testimonial dalla casa di moda italiana, prima e dopo l’intervento di Photoshop fecero il giro del mondo. La cantante appariva perfetta, senza il minimo difetto e totalmente immune ai segni del tempo, ma in realtà un sapiente uso delle tecniche di foto ritocco le aveva tolto rughe, pelle lucida e aveva camuffato le mani venose.

E cosa dire della copertina di TodaTeen dedicata a Justin Bieber in cui la giovane star sembra truccatissima ed eterea, come se fosse uscito da una rivisitazione di Tootsie? C’è stata poi Demi Moore, che sulla prima pagina di W non aveva più un’anca, Per non parlare delle immagini pubblicitarie di Ralph Lauren, in cui le modelle sembrano uscite da “Incontri Particolari del terzo tipo”, data la forma improbabile dell’intera silhouette.

Alcune star, invece, hanno deciso di ribellarsi all’ingannevolezza di Photoshop e, anzi, hanno pubblicamente protestato contro le riviste che avevano tolto loro svariati chili grazie all’aiuto del computer. Si pensi in questo a Kate Winslet, che aveva dichiarato di non voler in alcun modo essere posta come ideale di bellezza artefatta, insorgendo contro chi le aveva snellito la figura prima di pubblicare le foto dell’attrice. Allo stesso modo Christina Hendricks ha confessato di non aver gradito il mondo in cui i suoi fianchi siano stati notevolmente ristretti in alcune foto editoriali. Nella gallery potrete notare tutta una lunga serie di disastri digitali.