La speculazione di stampo mafioso è riuscita a intrufolarsi anche nel settore rinnovabili. Un business speculativo che, come da anni in tutti i settori dell’economia italiana, trova i suoi capisaldi nel caporalato pugliese e nella mafia siciliana, i due ”mali oscuri” che affliggono l’economia del nostro Paese e hanno visto rispettivamente nel fotovoltaico e nell’eolico un giro d’affari appetibile, mettendo a rischio un settore in forte crescita e deviandone gli obiettivi.

In effetti, l’illegalità mafiosa rappresenta una forte insidia per un settore che pure ha saputo munirsi di strumenti di autocontrollo per limitarne le nefaste complicazioni. Un mercato, quello delle rinnovabili, che con l’ottimizzazione ai massimi livelli delle sue potenzialità sotto il profilo del risparmio e dell’efficienza energetica, si è ampliato e rafforzato grazie al crescente interesse della popolazione e dei mercati locali a questa nuova opportunità, nonostante la politica corrotta e le amministrazioni locali opportuniste.

Per stoppare un fenomeno speculativo che andrebbe a danneggiare non solo il singolo, ma anche e soprattutto l’economia economico-energetica del nostro Paese, è nato il Progetto Score*, una iniziativa che punta alla ricerca della legalità e, quindi, alla libertà dei mercati e al loro normale sviluppo e funzionamento. L’iniziativa, finanziata dal programma Prevenzione e lotta alla criminalità dell’Unione Europea, parte dalla Fondazione Culturale Responsabilità Etica del Gruppo Banca Popolare Etica.

Il Progetto Score* è uno strumento per la legalità destinato a pubbliche amministrazioni, operatori di mercato, sindacati ed organizzazioni di categoria, piccole e grandi imprese, istituzioni europee e consumatori: i risultati fin qui raggiunti ne confermano la validità. Infatti qualche mese fa sono stati presentati i primi risultati di analisi sui rischi di illegalità e infiltrazioni criminali nelle rinnovabili e anche nella filiera del legno.

L’obiettivo primario del Progetto Score* è, quindi, quello di contrastare l’illegalità mediante la collaborazione e l’impegno degli operatori delle rinnovabili e dei mercati del legno, ai quali fornisce modelli e strumenti di valutazione dei rischi di illegalità nei settori di interesse e creare un canale ”per lo scambio di buone prassi, esperienze, informazioni provenienti da ricerche e sperimentazioni”.

Progetto Score* Stop Crimes On Renewables and Environment