Annunciata da tempo tra le esposizioni più attese dell’anno, il 1° febbraio presso il Museo delle Culture di Milano apre al pubblico la mostra Frida Kahlo. Oltre il mito, dedicata alla più grande pittrice messicana mai esistita. L’esposizione, promossa da 24 Ore Cultura – Gruppo 24 ore e curata da Diego Sileo, si propone di offrire ai visitatori una chiave di lettura inedita rispetto a quella che fino ad oggi è stata data dell’opera dell’iconica pittrice.

L’idea è infatti quella di restituire agli occhi del pubblico un’immagine che vada oltre quella di artista pop, controversa e rivoluzionaria, che noi tutti fino ad oggi abbiamo conosciuto.

La mostra, che annovera un numero sorprendente di opere e documenti, intende infatti fare luce sulla figura di un’artista raffinata e sorprendentemente capace, oltre che di una donna forte e pasionaria che ha saputo sfidare tanto le avversità della vita, quanto i pregiudizi dell’epoca con indomito coraggio.

Frida Kahlo. Oltre il mito raccoglie, infatti, oltre alle opere simbolo del lavoro dell’artista, alcune delle quali mai esibite in Italia, una serie di documenti inediti.

Foto e lettere, in primis, che ripercorrono i temi cardine della vita di Frida: dall’amore appassionato e tormentato per Diego Rivera fino alla sofferenza fisica a seguito del drammatico incidente che condizionò la sua esistenza.

Una mostra-evento, dunque, davvero da non perdere e che tutti ameranno almeno per questi 10 motivi.

  1. Le foto. In mostra al Mudec di Milano non solo i dipinti della celebre artista ma anche bellissime foto, dall’infanzia all’età adulta, testimonianza della sua vita tormentata e simbolo di una femminilità intensa e travolgente.
  2. I dipinti inediti. La mostra Frida Kahlo. Oltre il mito offre anche l’occasione di ammirare capolavori dell’artista messicana mai visti nel nostro Paese e provenienti da autorevoli musei internazionali, tra i quali il Phoenix Art Museum, il Madison Museum of Contemporary Art e la Buffalo Albright-Knox Art Gallery. Da non perdere l’opera simbolo della mostra, ovvero Autoritratto con scimmia.
  3. Le lettere. Accanto ai dipinti dell’artista e alle foto che ritraggono Frida Kahlo, l’esposizione offre al pubblico anche una serie di lettere autografe provenienti dall’archivio storico rinvenuto presso Casa Azul, la dimora in cui Frida visse fino agli ultimi giorni della sua vita, con il marito Diego Rivera.
  4. Le frasi iconiche. Sulle pareti di ciascuna sala della mostra, sono ricordate alcune delle frasi-simbolo che hanno contribuito a rendere famosa e amatissima Frida Kahlo. Pensieri sparsi che rendono omaggio alla sua forza straordinaria e al suo genio eclettico.
  5. Il Frida Kahlo style. Se l’esposizione del Mudec si propone di superare i luoghi comuni che hanno spesso caratterizzato le interpretazioni delle opere di Frida, impossibile non rintracciare nella ricostruzione iconografica gli elementi che hanno contribuito a far conoscere Frida Kahlo come un’autentica icona di stile. Meravigliose le foto in cui l’artista è ritratta nei suoi abiti più caratteristici, ispirati alla tradizione popolare messicana, tra cerchietti fioriti e maxi collane a tutto colore.
  6. La magia del Messico. La mostra di Frida Kahlo rappresenta anche un’occasione unica per concedersi un viaggio nelle meraviglie del Messico, terra straordinaria che pervade tutte le opere dell’artista. Per tutta la durata dell’esposizione, inoltre, il Mudec ospiterà un ricco palinsesto di appuntamenti dedicati alla scoperta del Messico che vedono protagonisti i più autorevoli studiosi di cultura messicana.
  7. L’amore. La storia della vita di Frida Kahlo è in qualche modo anche la storia di un grande amore, di un legame che l’ha accompagnata per tutta la sua vita: quello con Diego Rivera, pittore e muralista messicano che Frida sposò due volte e dal quale subì dolorosi tradimenti, uno dei quali con sua sorella. Tra le frasi di Frida, la mostra ricorda: “Ho subito due gravi incidenti nella mia vita… il primo è stato quando un tram mi ha travolto e il secondo è stato Diego“.
  8. La musica. Nella sala dedicata alla storia d’amore tra Diego Rivera e Frida Kahlo la visita alla mostra è accompagnata dalla suggestione di un brano musicale. Si tratta di Diego e io, ballata romantica per piano e archi, scritta da Antonio di Martino che ha rielaborato e cantato in italiano i testi della storica cantante messicana Chavela Vargas.
  9. L’ispirazione. La mostra Frida Kahlo. Oltre il mito è un appuntamento da non perdere anche per lasciarsi ispirare dalla forza straordinaria di un personaggio femminile unico nel suo genere che alle avversità del destino ha saputo rispondere con un  vibrante “viva la vida”.
  10. … il bookshop. Per le appassionate di Frida, da non perdere anche un giro nel bookshop dedicato alla mostra, dove sono in vendita oggetti di design e gadget ispirati all’arte della celebre pittrice messicana.

La mostra Frida Kahlo. Oltre il mito sarà visitabile al Mudec di Milano, in Via Tortona 56,  fino al 3 giugno 2018.