Per avere gambe e glutei perfetti si può ricorrere agli esercizi più disparati, ma per avere una muscolatura impeccabile i front squat sono tra quelli più ideali ed efficaci. Questi, rispetto al classico squat, aggiungono infatti una difficoltà in più, appunto il bilanciere che, a sua volta, viene tenuto davanti al petto e non indietro come, invece, viene fatto per il classico back squat.

A livello di muscolatura il front squat va a sollecitare particolarmente il lavoro esercitato dai quadricipiti, richiedendo anche un maggiore equilibrio: vista la sua difficoltà – specie per quanto riguarda quest’ultimo dettaglio -, infatti, questa tipologia di esercizio viene spesso snobbata da coloro che cercano solamente di avere un corpo più tonico. Per questo motivo, infatti, tra le due varianti, l’esercizio più noto dai “dilettanti” per sollecitare gambe e glutei è il back squat: in questo caso, infatti, si tende a caricare più peso in quanto il bilanciere viene portato in una posizione più “comoda”. Molti tra coloro che, invece, praticano palestra per aumentare la propria massa muscolare, invece, prediligono il front squat.

Front squat: come si esegue e gli errori da evitare

Per eseguire un front squat basterà afferrare un bilanciere, mantenendo i polsi piegati, i gomiti alti che puntano in avanti e i dorsi delle mani appoggiati sulle clavicole: a questo punto, mantenendo l’equilibrio, bisognerà svolgere il classico squat con gambe in una posizione più ampia, schiena dritta e ginocchia in linea, scendendo piegando le gambe in accosciata completa (ovvero scendendo completamente o, almeno, il più possibile). Poi, mantenendo sempre i gomiti alti, tornare alla posizione di partenza.

Gli errori più tipici che vengono commessi durante l’esercizio riguardano prevalentemente la posizione dei gomiti, che devono sempre rimanere in linea con le spalle puntando in avanti, mentre non devono mai “cadere”. È importante anche la posizione del torso, che deve rimanere ben dritto e anche questo non pendere troppo in avanti, e quella delle ginocchia, come vale anche per i classici squat (ovvero che non devono essere troppo in avanti, mantenendo i talloni ben saldi per terra, altrimenti si va a far lavorare troppo il ginocchio e rischiare potenziali lesioni del legamento o del menisco). Questi sono solamente alcuni degli accorgimenti che permetteranno di eseguire i front squat nella maniera più adeguata e ottenere risultati senza rischiare di incappare in eventuali infortuni.