Si tende a pensare che sia l’estate la stagione migliore in cui consumare grandi quantità di frutta e verdura, ma non è così. La frutta e la verdura autunnale, ricca di vitamine, minerali e principi nutritivi importanti, è una risorsa molto importante per il nostro {#benessere}.

Abbiamo già visto su quali {#alimenti} concentrare la nostra spesa, adesso vediamo quali sono le proprietà di frutta e verdura autunnale e perché mangiarla.

Economiche e facili da trovare sul mercato nella stagione autunnale, mele e pere sono un’importantissima fonte di fibre e vitamina C. Nella buccia di questi frutti si trovano grandi quantità di fibra che aiutano il nostro corpo a disintossicarsi. Inoltre la fibra presente di questo frutto – la pectina – è solubile, indispensabile per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo.

L’avocado è un frutto ricco di vitamine, potassio, fibre, ferro e grassi insaturi, ovvero grassi “buoni” capaci di stimolare la produzione del colesterolo buono (HDL) e frenare quello cattivo (LDL). A causa però dell’elevato apporto calorico è bene consumarne con moderazione.

La barbabietola è un tubero ricco di proteine, glucidi, fibra alimentare, vitamine e sali minerali. Deve il suo caratteristico colore rosso a un colorante naturale, l’E 162, che viene anche utilizzato nell’industria alimentare per aumentare la brillantezza dei prodotti. Nel 2010 i ricercatori della Wake Forest University del North Carolina, inoltre, hanno scoperto che l’assunzione di succo di barbabietola aumenta il flusso di sangue al cervello nelle persone anziane, con un potenziale effetto ritardante sui sintomi tipici dell’invecchiamento.

Passiamo a broccoli, cavolfiori, cavolini di Bruxelles e cavoli, tra le verdure autunnali più comuni. Sono un’incredibile fonte di vitamina A, C, ferro e fibre. Hanno inoltre un grande potere antiossidante, utile per prevenire alcune forme di cancro e diabete di tipo 2.

Il mirtillo rosso, come tutti i frutti di bosco, è caratterizzato da proprietà antiossidanti, è ricco di ferro, vitamina C e fibre. All’interno dei mirtilli rossi sono contenute le antocianine, flavonoidi importanti per il micro circolo sanguigno e per la protezione dei capillari. Le melanzane sono verdure ricche di acqua, fibre, acido folico e potassio. Sono inoltre ricche di antiossidanti utili nel combattere l’insorgenza di radicali liberi. La presenza di fibre solubili è inoltre un valido aiuto per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

Tra la frutta autunnale non possono mancare i fichi, caratterizzati da un’elevata quantità di zuccheri ma allo stesso tempo una notevole quantità di fibre, ferro e potassio. Nonostante le credenze comuni e la presenza di zuccheri, i fichi apportano solo 47 calorie ogni 100 grammi di prodotto, una quantità inferiore, per esempio, a uva e mandarini. Ottimi per preparare dolci o da mangiare da soli.

Il melograno è una fonte di magnesio, manganese, rame e vitamina K, indispensabili per il nostro sangue. È un frutto dalle proprietà benefiche, aiuta ad abbassare il colesterolo e la pressione sanguigna ed è ricco di antiossidanti.

Infine, la zucca, con il suo allegro colore arancione è la protagonista della tavola autunnale. È ricca di vitamina A, B, C, E, potassio, ferro e fibre. Oltre alla polpa vera e propria anche i semi sono caratterizzati da proprietà benefiche: forniscono grassi alleati del cuore, proteine, calcio, ferro, magnesio e zinco.

Fonte: MSN.