Frutta e verdura rappresentano due elementi indispensabili in qualsiasi dieta, si possono preparare tante ricette gustose e anche poco caloriche per chi deve stare attenta alla linea. Quando si fa la spesa, frutti e verdure sono da preferirsi di stagione in modo tale da acquistarle anche a un prezzo maggiormente accessibile.

I mercati che garantiscono prodotti ortofrutticoli a Km zero sono diversi e ciò evita una lunga catena di scambi che porterebbe all’aumento dei prezzi. In questo modo, si acquista direttamente dal produttore locale e soprattutto si contribuisce al benessere dell’ambiente evitando che la merce debba essere trasportata per lunghi tratti e quindi aumenti il livello di inquinamento.

Per la frutta e la verdura, spesso sopravvivono diversi miti che sarebbe opportuno sfatare. Innanzitutto spesso si è indecisi sulla conservazione ma è da preferire il frigorifero per la verdura e all’aperto per la frutta. Inoltre, nel frigorifero, la conservazione deve avvenire in modo corretto posizionando la frutta nei cestelli collocati nella parte bassa.

Appena si nota un frutto marcio, anche solo in parte, deve essere tolto immediatamente per evitare che crei poi delle muffe. Le verdure appena acquistate possono essere lasciate nel loro sacchetto di carta, per la conservazione di quelle cotte meglio metterle all’interno di contenitori chiusi così che gli odori non si disperdano nel frigo.

Se si tagliano delle verdure e non si consumano nell’interezza, è bene consumarle in pochi giorni. Sarebbe opportuno sempre acquistare la quantità che si consuma giornalmente per evitare che possano deteriorarsi con il passare dei giorni.

Quando il frutto si conserva integro, mantiene inalterate le sue qualità nutrizionali e non è affatto vero che le perde se è consumato dopo diversi giorni dall’acquisto. Per molti è abitudine mangiare la frutta con la buccia, in questo caso è sempre consigliabile lavarla accuratamente e preferire prodotti provenienti da colture biologiche così da essere certi che non siano stati usati pesticidi e altre sostanze chimiche.

Per i prodotti provenienti da paesi esotici e non prodotti in Italia, occorre verificare la loro qualità diffidando da quelli che mostrano segni di deterioramento. Non bisogna mai interrompere la catena del freddo quindi, se si acquista dell’insalata in busta nel reparto frigo anche quando si arriva a casa bisogna conservarla nel frigorifero fin quanto non si consuma.

Rispettare la data di scadenza è fondamentale per non trovarvi poi all’interno delle foglie marce. Per un corretto lavaggio si può usare, sia per la frutta sia per la verdura, del bicarbonato aggiunto all’acqua, sciacquando tutto accuratamente.

Fonte: Melarossa.