Che il fumo faccia veramente male in gravidanza è risaputo, ma adesso arrivano le foto che lo confermano a tutti gli effetti. La dottoressa Nadja Reissland, studiosa della Durham e Lancaster University, ha riprodotto in 4D le immagini provenienti dal grembo materno. Dalle foto è evidente la sofferenza del feto costretto ad assorbire la nicotina che proviene dalla sigaretta accesa della madre.

Immagini a parte, lo studio ha evidenziato che i feti delle madri fumatrici hanno un ritardo nello sviluppo del sistema nervoso centrale. In più i piccoli in grembo compiono molti più movimenti bruschi, quasi come se fossero in debito di ossigeno e cercassero una via d’uscita. Il co-autore dello studio Brian Francis ha sottolineato l’importanza dell’apporto delle nuove tecnologie per gli studi inerenti la gravidanza, soprattutto per dare maggiore risalto a ciò che nuoce particolarmente alle donne che hanno in grembo un essere vivente:

“Questo studio e questo nuovo metodo di rappresentare il feto non ancora nati significa che possiamo vedere qualcosa che fino a ora ci era stato impossibile conoscere. È l’ennesima prova circa gli effetti negativi del fumo durante la gravidanza”.