Smettere di fumare non è per nulla semplice e anche chi è assolutamente convinto di voler rinunciare al vizio delle sigarette incontra spesso molte difficoltà. Una pillola a base di vareniclina può aiutare, però, in quanto contrasta il piacere e l’astinenza da nicotina.

Tale pillola è stata presa in esame da un gruppo di ricercatori dell’Università di Oxford (Gran Bretagna), che hanno condotto degli studi su due gruppi di volontari, fumatori pentiti: al primo gruppo veniva somministrata la pillola, mentre il secondo riceveva un placebo.

A sei mesi dall’inizio del trattamento, coloro che prendevano la pillola a base di vareniclina avevano più del doppio delle probabilità di non essere ricaduti nel vizio del fumo rispetto a chi invece, senza saperlo, prendeva altri tipi di pillole. Poche, tra l’altro, le controindicazioni:

L’effetto collaterale di cui i pazienti si lamentavano di più era la nausea, che però tendeva a ridursi col passare del tempo oppure abbassando un po’ la dose rispetto a quella raccomandata. E anche così la cura funzionava.

Galleria di immagini: Fumare

Questo tipo di pillola viene dunque in aiuto quando la volontà del fumatore non è abbastanza forte da farcela da sola, ma in Italia la vareniclina non è offerta dal Sistema Sanitario Nazionale: è necessaria la prescrizione medica e un trattamento della durata di 12 settimane costa circa 350 euro, una bella cifra in fin dei conti e che non la rende accessibile a tutti, anche se smettendo di fumare il risparmio sulle sigarette è più che notevole.