Il fitness divertente sembra un’utopia. L’attività fisica è sempre vista come un qualcosa di faticoso e dispendioso, però soprenderà sapere che l’esercizio fisico potrebbe essere anche fonte di divertimento, tutto questo prende il nome di funny-fitness.

Uno dei tanti modi di praticare il funny-fitness è appunto la giocoleria, una vera e propria arte circense. Tale arte è divisa in due parti: la prima prende il nome di juggling e consiste nel volteggio e nella manipolazione di più oggetti nello stesso tempo e prevede l’uso di alcuni attrezzi: palline, clave, hula hoop o comuni cerchi, kiwido, torce infuocate, bolas e devilstick; la seconda si chiama contact e consiste nel far rotolare una o più palline su varie parti del corpo evitando che si stacchino dal giocoliere.

Iniziarsi a quest’arte è semplice ed esistono anche dei luoghi in cui viene insegnata. La prima cosa da apprendere è la coordinazione e il movimento fluido, che permetterà al giocoliere di destreggiarsi nelle sue performance. Difatti, inizialmente si adopera solo un oggetto e man mano che si acquisisce familiarità se ne aggiungono altri.

Gli esercizi di base sono tre e sono tutti mirati alla fluidità e alla scioltezza del movimento. Consistono nel lancio di una pallina per aria in varie modalità, ad esempio la si può tirare con la mano sinistra e riprenderla con la stessa alternando le mani, oppure lanciarla con una mano e riprenderla con l’altra o addirittura, via via che gli esercizi si complicano, lanciarla nell’altra mano da sotto una gamba. Dopo aver appreso questi movimenti di base con un solo attrezzo, si è pronti a passare alla giocoleria vera e propria.

La giocoleria stimola la mente e migliora ritmo e cordinazione. In più è anche fonte di nuove esperienze e conoscenze nonché un esercizio rilassante. Quindi oltre a essere un eserczio fisico, ha anche valore teraupetico per la psiche. Difatti il saper tenere più cose in movimento potrebbe essere una metafora per quando nella vita di tutti i giorni, bisogna destreggiarsi tra più problemi o affari riuscendo a superarli. E perché no, potrebbe anche essere una fonte di guadagno.

Fonti: Benessere